Home » Internazionale, News » Il nuovo canale di Suez aprirà il 6 agosto

Il nuovo canale di Suez aprirà il 6 agosto

ISMALIYA – Con 210 milioni di tonnellate di sabbia già scavate e l’80% dell’impresa realizzato, l’Autorità del Canale di Suez ha presentato ieri in una conferenza stampa ad Ismaliya, a 200 giornalisti egiziani e stranieri, la cerimonia inaugurale del raddoppio di 72 km del Canale che si svolgerà il 6 agosto prossimo.

“E’ con grandissimo orgoglio che presento questa cerimonia, che siglerà una svolta di grande importanza non solo per l’Egitto, ma per il trasporto mondiale”, ha esordito il presidente e direttore esecutivo dell’Autorità, ammiraglio Mohab Mamish. Ha quindi snocciolato alcune cifre sui prevedibili vantaggi che il nuovo Canale – costruito nel tempo record di 12 mesi, rispetto ai 3 anni previsti inizialmente – dovrebbe comportare: il raddoppio del traffico mercantile annuale e quello degli introiti dei noli, che da 5,3 miliardi di dollari di oggi, nel 2023 dovrebbe arrivare a 13,2.

Il piano globale nell’area prevede anche la realizzazione di un’area industriale con la creazione di servizi che daranno accesso a 1,6 miliardi di clienti. “Il 6 agosto – ha detto Mamish – potrete vedere per la prima volta nella storia navi che si incrociano nel Canale, transitando insieme da nord e da sud”.

Leggi anche:

  1. Canale di Suez più sicuro
  2. Nuovo Canale di Suez: inaugurazione il prossimo agosto
  3. Canale di Suez: flessione del 6% del traffico
  4. Canale di Suez: tensione in aumento
  5. Canale di Suez vs Buona Speranza

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=29999

Scritto da Redazione su giu 14 2015. Archiviato come Internazionale, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 14 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato ai porti con un focus sulla Via della Seta e sulla via Traiana, il concetto dello IoT-Internet of Things, il contratto di ormeggio e il nuovo concetto di New-Port. Poi una riflessione sul principio di passaggio inoffensivo(riprendendo vicende come quella dell'Aquarius, Open Arms e Sea Watch 3). E ancora, approfondimenti sul potere amministrativo delle AdSP, Mare 2.0 e sulla navigazione delle navi e non delle merci.
poseidone danese

© 2019 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab