Home » Italia, News » Porto di Genova: San Giorgio del Porto lavora al refitting

Porto di Genova: San Giorgio del Porto lavora al refitting

GENOVA – Per la commessa già impegnato nei mesi scorsi Chantier Naval de Marseille, società controllata al 100% da San Giorgio del Porto. San Giorgio del Porto – cantiere genovese attivo nei settori refitting, riparazioni, trasformazioni e demolizioni navali –  ha iniziato nei giorni scorsi a Genova il completamento dei lavori di refitting della Saipem 10.000, nave da perforazione della flotta Saipem tra le più avanzate tecnologicamente al mondo, in grado di operare fino a 3.000 metri di profondità e di perforare fino a 10.000 metri di profondità.

La commessa riveste particolare importanza perché è la prima volta che una nave di questa tipologia giunge nel capoluogo ligure per lavori di manutenzione.
Gli interventi riguarderanno in particolare la manutenzione ordinaria e straordinaria della nave, compreso l’upgrade dei sistemi di automazione e rappresentano la tappa conclusiva del progetto di restyling iniziato nei mesi scorsi all’interno del bacino n° 8 di Chantier Naval de Marseille, società controllata al 100% da San Giorgio del Porto.

La commessa testimonia pertanto le sinergie operative tra le strutture genovesi e il cantiere marsigliese, in grado di presidiare un segmento di mercato (navi superiori ai 270 metri di lunghezza) ad oggi precluso a Genova a causa delle caratteristiche strutturali dei bacini esistenti.

I lavori in corso di svolgimento coinvolgono circa 20 aziende dell’indotto delle riparazioni navali e prevedono punte massime di circa 200 lavoratori impegnati giornalmente a bordo.

San Giorgio del Porto è un cantiere genovese fondato nel 1928 attivo in quattro ambiti di attività: riparazioni navali (ordinarie e straordinarie), refitting, trasformazioni navali e demolizioni navali. Situato nell’area delle riparazioni navali all’interno del porto di Genova, il cantiere si estende su una superficie di oltre 33 mila metri quadrati di cui 5.800 coperti con 1.150 metri lineari di ancoraggio debitamente equipaggiati.

Il volume d’affari 2014 è stato pari a circa 35 milioni di euro di cui circa il 25 % relativo a lavori su navi da crociera e circa il 75 % su progetti speciali. I dipendenti diretti sono 130, con un indotto medio che raggiunge le 150 unità.

San Giorgio del Porto controlla il 100% di Chantier Naval de Marseille, società costituita nel 2010 specializzata nelle riparazioni e trasformazioni navali avente in concessione i bacini di carenaggio n° 8 (320×50 m) e n°9 (250×37 m) del Porto di Marsiglia e fa parte della holding Genova Industrie Navali.

Leggi anche:

  1. T. MARIOTTI: commesse per il refit di Andreas L (60 metri) e Rahil (54 metri)
  2. Porto di Genova: ente Fiera lavora per Salone della logistica
  3. Costa Romantica: restyling da 90 milioni di euro
  4. Porto di Genova: Burlando chiede autonomia fiscale
  5. Porto di Genova: inaugurato il Borgo alla Marina

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=32824

Scritto da Redazione su set 29 2015. Archiviato come Italia, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone danese

© 2020 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab