Home » Italia, News » TITOLI PROFESSIONALI PER IL TRASPORTO PUBBLICO IN LAGUNA, UNA LEGGE “AD AZIENDAM”?

TITOLI PROFESSIONALI PER IL TRASPORTO PUBBLICO IN LAGUNA, UNA LEGGE “AD AZIENDAM”?

VENEZIA – Entro metà ottobre 2015 il Consiglio dei Ministri discuterà l’approvazione del Decreto Legislativo sui titoli professionali della laguna per il solo trasporto pubblico a seguito della delega al Governo con il decreto Salva Italia del 2011.

Il decreto è sostenuto esclusivamente da ACTV (Azienda del Consorzio Trasporti Veneziano) avendo ricevuto parere contrario dai dirigenti del Dipartimento Navigazione marittima ed interna del Ministero dei Trasporti e del Comando Generale delle Capitanerie di Porto. L’iter è poi proseguito presso l’Ufficio Legislativo del Ministero.

Il decreto affronta in modo fuorviante la specificità di Venezia: qualora dovesse ritenersi opportuna una revisione dei titoli professionali spendibili nella laguna, dovrebbe operarsi a tutto campo non limitandosi al solo trasporto pubblico locale lagunare. Attualmente il provvedimento viene discusso esclusivamente tra gli uffici legali di ACTV e l’Ufficio Legislativo del Ministero: ne conseguirebbe il discutibile risultato di dar vita a navi marittime provviste di equipaggi muniti di “nuove patenti e qualifiche” prive di qualsivoglia logica di semplificazione e di integrazione rispetto alle attuali disposizione normative.

Una decisione che, oltre a dequalificare il percorso formativo di chi ha già acquisito titoli marittimi attraverso corsi di formazione e continui aggiornamenti, implica deficit di sicurezza in quanto la navigazione marittima segue una formazione e normative diverse dalla navigazione interna.

Contrari all’introduzione di un simile provvedimento sono ANITraV (Associazione Nazionale Imprese Trasporto Viaggiatori), ACNL (Associazione Capitani Navigazione Lagunare Venezia), Collegio Nazionale Capitani Lungo Corso & Macchina e UGL (Unione Regionale del Lavoro). Della vicenda è stato informato anche il sindaco di Venezia Luigi Brugnaro, al quale è stato chiesto un incontro con lettera datata 10 settembre 2015.

«La precedente amministrazione comunale aveva demandato il compito istituzionale di discutere il Decreto alla sua società ACTV a nostro avviso in palese conflitto d’interesse – spiega nella missiva il firmatario Lorenzo Boscolo, presidente ACNL –. Per questo vogliamo essere certi che l’attuale amministrazione sia correttamente informata di quanto sta succedendo».

Alla conferenza stampa parteciperanno: Lorenzo Boscolo, presidente ACNL; Mauro Ferri, presidente ANITraV; Alfonso Morisieri, consulente nautico ANITraV; Sebastiano Costalonga, segretario regionale UGL Trasporti Veneto.

Leggi anche:

  1. Porto di Venezia: vertice con Letta. Comitato vuole Laguna off-limits
  2. Trasporto Pubblico Locale: alcune città del Sud hanno perso…il tram
  3. Titoli IMO STCW – requisiti minimi – certificati: è legge dal 25 agosto
  4. Ancora sui titoli professionali marittimi del diporto
  5. Titoli del diporto nautico operativi in Europa

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=32831

Scritto da Redazione su set 29 2015. Archiviato come Italia, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone danese

© 2020 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab