peyrani
Home » Internazionale, News » ONU: le meganavi rendono meno competitivo lo shipping

ONU: le meganavi rendono meno competitivo lo shipping

GINEVRA –  Uno dei fenomeni che ha contribuito al cambiamento dei parametri economici del processo dei trasporti marittimi è stato l’avvento delle meganavi. La presenza di tali navi, sia passeggeri che da carico, sui mari del mondo ha determinato le conseguenti variazioni delle rotte mercantili e la scelta dei porti da scalare.

Nell’economia marittima un tale evento ha generato varie fusioni tra società armatoriali, lasciando molti paesi, soprattutto i piccoli, serviti solo da poche compagnie di navigazione, giusto per garantirsi un mercato cabotiero, fuori dai mercati globali.

Questa analisi è stata ufficialmente presentata nella Conferenza delle Nazioni Unite sul Commercio e lo Sviluppo (UNCTAD: UN Conference on Trade and Development), che si è svolta ultimamente a Ginevra nella sede delle UN, rimarcando che il problema  potrebbe essere risolto rafforzando la rottamazione di vecchie navi, fra le quali, molte illegali. “ Sarebbe un bene per il settore dei trasporti marittimi e per l’ambiente se avessimo norme ambientali più severe volte a favorire la demolizione di una nave”, ha detto il presidente UNCTAD, Jan Hoffmann, nell’illustrare il rapporto annuale.

Oggi, a livello globale, vi sono circa 15 aziende che offrono servizi regolari di trasporto container a ciascun paese marittimo; numero di aziende che è costantemente diminuito rispetto alle 22 del 2004 e la tendenza diventa difficile da fermare. Infatti, le aziende dello shipping tendono oggi ad unirsi e le tre grandi compagnie, Maersk, Mediterranean Shipping Company e CMA CGM  hanno il 35% del mercato mondiale; e per questo ci si aspetta che le dimensioni medie delle navi cresceranno ancora, con una conseguente meno presenza di aziende singole sul mercato mondiale, e con molti piccoli paesi che resteranno fuori dalle rotte di import/export di materie necessarie per affrontare un degno sviluppo.

Abele Carruezzo

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Suez: 6 agosto nuova era per lo shipping mondiale
  2. Alla NOR Shipping preparazione e numero equipaggi vanno rivisti
  3. International Chamber of Shipping: Mediterraneo mare di migrazione
  4. Seatrade Cruise Shipping: aggregarsi è utile o conveniente?
  5. Italian cruise shipping a Miami

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=33597

Scritto da Abele Carruezzo su ott 31 2015. Archiviato come Internazionale, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 12 N°3

BRINDISI - In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato alle crociere, a livello nazionale ed internazionale, con i nuovi dati di Risposte Turismo: dalla classifica dei porti italiani in base al numero di croceristi alle previsioni per il 2018 con i programmi dei porti già fissati con le grandi compagnie. Poi un focus di Stefano Carbonara sul cyber crimine applicato al mondo dello shopping con lo contromosse necessarie. Da Assologistica arrivano anche le indicazioni per il mondo dei porti e non solo, con tendenze e lacune da colmare. Ad Ancona, Napoli, Trieste, Venezia, Brindisi e Livorno sono dedicati tanti servizi sulle ultime notizie che giungono da questi scali dopo la riforma dei porti..
poseidone danese

© 2018 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab