Home » Internazionale, News » Australia: Voyage Planning e carte nautiche

Australia: Voyage Planning e carte nautiche

SYDNEY – L’Autorità per la Sicurezza Marittima Australiana (AMSA) è impegnata in questo periodo in una campagna di sensibilizzazione degli ufficiali responsabili della guardia in navigazione a rispettare i requisiti SOLAS sull’uso delle carte nautiche e relativi aggiornamenti, soprattutto nella pianificazione del viaggio (rotte, velocità, passaggi stretti, accostate, ecc.) incentivando i controlli, in particolare nei porti australiani di approdo.

Questo particolare impegno di verifica da parte dell’Autorità governativa è mirato nel nord-est dell’Australia, lungo la costa del Queensland, area in cui si sta applicando il concetto di “tolleranza zero” durante le ispezioni/verifiche di navi. Giusto per ricordare, la Regola SOLAS V/27 richiede che le carte nautiche e le relative pubblicazioni nautiche necessarie per il viaggio previsto siano adeguate (tipologia e scala) e soprattutto aggiornate.

Una carta nautica per essere considerata adeguata per la navigazione marittima deve essere rilasciata, edita da un Istituto ufficiale – per l’Italia l’Istituto Idrografico della Marina Militare – e che sia l’ultima edizione in forma originale. Non sono ammesse fotocopie, fax, o imitazioni di carte nautiche ufficiali, o “ copia-taglia-incolla”, o carte assemblate da piccole porzioni scansionate; poi,la carta nautica deve essere di scala appropriata per quel particolare uso nelle diverse fasi della navigazione ed aggiornata con l’ultimo bollettino ufficiale per i naviganti.

Inoltre, comandanti e gli ufficiali responsabili della guardia in navigazione in acque australiane, devono essere a conoscenza degli avvisi AMSA (Australian Maritime Safety Authority) ed, in tema di sicurezza, delle procedure di navigazione e di emergenza che vanno ad implementare i requisiti SOLAS capitolo V. In particolare, la Regola 19 sulle apparecchiature e sistemi di navigazione a bordo della nave; il Regolamento 27 che prevede che le carte nautiche e le pubblicazioni nautiche necessarie per il viaggio debbano essere adeguate e aggiornate; il Regolamento 34 che richiede una pianificazione del viaggio previsto e gli ispettori di controllo andranno a verificare i documenti del voyage planning, la disponibilità e l’uso appropriato di carte nautiche, aggiornate e corrette sugli ultimi aggiornamenti; utilizzare per la navigazione costiera carte a scala maggiore e i relativi manuali AMSA.

In più, gli ufficiali di coperta devono conoscere la Guida ECDIS per le navi che approdano nei porti australiani, in cui vengono chiarite alcune delle questioni relative ai requisiti del sistema ECDIS; oltre a richiedere l’aggiornamento ufficiale della cartografia elettronica devono conoscere i diagrammi di flusso che riassumono le operazioni di ispezione ed i codici operativi (deficienza grave la non conoscenza) per le navi sia con ECDIS che senza il sistema di cartografia elettronica.

 

Abele Carruezzo

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=35054

Scritto da su Gen 2 2016. Archiviato come Internazionale, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone

© 2021 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab