Home » Italia, News » La prima edizione del “Summit at Sea” di CLIA a bordo della MSC Preziosa

La prima edizione del “Summit at Sea” di CLIA a bordo della MSC Preziosa

BRUXELLES – Si è appena conclusa con successo la prima edizione del Summit at Sea, una nuova piattaforma di incontro tra i rappresentanti del settore e le compagnie da crociera promossa da CLIA, l’organizzazione internazionale delle compagnie da crociera. Per quattro giorni, dall’8 all’11 gennaio, 120 partecipanti in rappresentanza di 57 utive Partner di CLIA e 17 compagnie da crociera hanno preso parte ad un programma formativo composto da conferenze e workshop su temi di interesse per il settore, tra cui operazioni portuali, salute, sviluppo delle destinazioni, ambiente e sicurezza.

Rimangono ottime le aspettative per il settore crocieristico: la maggior parte dei delegati che hanno partecipato all’evento prevede, infatti, che entro il 2030 saranno 14 milioni i passeggeri che sceglieranno la crociera in Europa ogni anno, pari al 3,5% della popolazione Europea. Un dato che  rappresenta un’enorme opportunità sia per l’Europa che per il Mediterraneo.

Il Summit at Sea si è tenuto a bordo della MSC Preziosa, la nave da crociera più nuova di MSC, salpata da Barcellona con destinazione Civitavecchia. Durante la navigazione i delegati sono stati impegnati in opportunità di networking durante cene, cocktail di ricevimento, escursioni a terra e visite ai terminal. I Diamond Partner di CLIA hanno anche avuto l’opportunità di partecipare ad una cena esclusiva.

La formazione ha rappresentato un elemento chiave del Summit. La prima sessione si è concentrata su sviluppo e operazioni portuali, con Barcellona descritta come un porto “modello” in termini di investimenti provenienti da porto, compagnie da crociera e privati.

Il secondo giorno i delegati hanno conosciuto i dettagli sulla partnership tra industria e rinomati esperti, nonché sulla ricerca d’avanguardia che si sta svolgendo per minimizzare i disturbi che i passeggeri potrebbero accusare durante la navigazione. A tal proposito Bud Darr, CLIA SVP for Technical and Regulatory Affairs, ha affermato che si tratta di un lavoro di ricerca rivoluzionario che si sta svolgendo con i più importanti ricercatori del settore e dimostra la leadership dell’industria nell’ambito della salute pubblica.

Inoltre, i delegati hanno partecipato alla presentazione dei case study dell’associazione di beneficienza selezionata da CLIA, Mercy Ships, che gestisce ospedali galleggianti, fornisce formazione ai medici professionisti e svolge interventi chirurgici.

Si è tenuta anche una sessione sul tema della sicurezza. I delegati hanno parlato delle sfide e delle opportunità legate all’espansione del settore crocieristico con un numero sempre maggiore di navi e di complessità relative agli itinerari. I delegati sembrano concordare all’unanimità che le persone sono la risorsa più importante dell’industria – un equipaggio preparato e professionale in tutte le aree della nave.
I manager delle compagnie da crociera hanno inoltre chiesto che le norme e i regolamenti vengano rispettati in maniera costante. Si sono tenute successivamente discussioni sui requisiti ambientali relativi in modo specifico al Baltico, attualmente in stand-by e che costituiscono una sfida seria da affrontare. Tuttavia i delegati hanno appreso che l’industria è prudentemente ottimistica sul fatto che ci sia una soluzione idonea attraverso la collaborazione di governi, porti e ONG.

La sessione finale ha riguardato invece il tema della cantieristica e degli appalti. Il numero di commesse nei cantieri europei ha raggiunto un nuovo record e i cantieri navali hanno discusso della possibilità di applicare norme basate su obiettivi, ottimizzando lo spazio a bordo nonché il livello di capacità e di raffinatezza del software richiesto per la costruzione di nuove navi innovative.

La crescita del mercato cinese è stato un altro tema affrontato, con cambiamenti significativi in atto riguardo la progettazione di navi per venire incontro alle esigenze di questo specifico mercato.

“Questo evento fa parte dei continui miglioramenti del Programma utive Partner Membership di CLIA”, ha affermato Pierfrancesco Vago, MSC Cruises utive Chairman and CLIA Europe Chairman, nel corso del suo discorso di apertura prima della partenza della nave. “Abbiamo creato una piattaforma sensazionale per i nostri partner dell’industria con il Summit at Sea. Abbiamo in programma di ripetere questa esperienza l’anno prossimo su una nave da crociera diversa, in modo da continuare a rispondere ai bisogni e alle aspettative dei nostri associati”.

“Siamo grati per l’ospitalità da parte dei team MSC, sia a bordo che a terra, e per il tempo che ci hanno dedicato i manager delle compagnie da crociera”, afferma Bo Larsen, VP, Strategic Partnerships, CLIA. “Il Summit at Sea è stato un successo e dimostra i benefici unici che fornisce l’essere associati a CLIA. Continueremo a sviluppare e creare nuove opportunità per la nostra comunità di associati in modo tale che, come industria, continueremo a crescere”.

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=35308

Scritto da su Gen 14 2016. Archiviato come Italia, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone

© 2021 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab