peyrani
Home » Italia, News » I.T.S. “Fondazione G. Caboto”: 50 giovani allievi già prenotati dagli armatori italiani

I.T.S. “Fondazione G. Caboto”: 50 giovani allievi già prenotati dagli armatori italiani

GAETA – Undici società armatoriali italiane hanno oggi “battezzato” l’avvio dei corsi dell’I.T.S. Fondazione Caboto destinati a 50 allievi che verranno assunti e imbarcati sulle loro navi, una volta concluso il biennio di formazione nel quale avranno l’opportunità, già in fase di addestramento, di navigare per i mari del mondo.

Contestualmente altri 23 allievi diplomatisi oggi in “Tecnico Superiore per la mobilità delle persone e delle merci – Conduzione del Mezzo e Gestione Apparati” hanno ricevuto una lettera di assunzione da parte di Amoretti Armatori Group, Finaval, Fratelli d’Amico, Gruppo d’Amico e Premuda per un prossimo imbarco sulle loro navi.

Numeri rilevanti che confermano la necessità da parte dei protagonisti dell’economia del mare di attingere da percorsi qualificati come quelli degli I.T.S. idonei a preparare i giovani ad inserirsi, con un bagaglio formativo e di esperienza a bordo.

“Gli Istituti tecnici superiori ci hanno dimostrato che quando scuola, mondo del lavoro, Università ed enti di ricerca dialogano i risultati si vedono – ha dichiarato Gabriele Toccafondi – Sottosegretario di Stato del Ministero dell’Istruzione. L’ITS Caboto è un esempio concreto, consolidato nel tempo, di come il modello degli ITS può e deve funzionare: gli ITS devono rappresentare l’espressione formativa del tessuto industriale ed economico di un territorio, così come avviene a Gaeta e come dimostra l’altissimo tasso di occupati tra i ragazzi appena diplomati. Come Governo e come MIUR stiamo lavorando per individuare una strategia per rilanciare e consolidare il sistema degli ITS e farlo diventare il canale di formazione tecnica terziaria di questo Paese, efficace e visibile, alternativo all’università, di pari dignità”.

“L’esperienza formativa dell’I.T.S. “Fondazione G. Caboto” che raggiunge ancora una volta il 100% di occupazione dei suoi diplomati, è l’esempio concreto dell’efficacia dei partenariati della conoscenza – ha aggiunto Silvia Costa, Presidente della Commissione Cultura e Istruzione presso il Parlamento europeo. Per combattere la dispersione scolastica bisogna investire in borse di studio e lavoro, stage retribuiti e alternanza scuola-lavoro. Per ridurre il fenomeno dei Neet, va potenziato il raccordo tra scuole e formazione professionale e imprese.

In Europa stiamo investendo risorse e attenzione per migliorare e potenziare il sistema di orientamento e formazione lavoro – a cominciare dai centri per l’impiego – e il raccordo tra scuole e formazione professionale e imprese, rivedendo anche il funzionamento dell’apprendistato. Il 59% dei diplomati dell’istruzione e formazione professionale lavora subito dopo il conseguimento del titolo e il 50% a tre anni dalla qualifica. Sono numeri che devono che confermano quanto istruzione, formazione e lavoro siano strettamente collegate”.

Ne è un esempio l’I.T.S. Fondazione Caboto che secondo il Presidente Cesare d’Amico: “grazie all’aumento di richiesta da parte delle società armatoriali e al supporto fattivo da parte delle Istituzioni offriamo non solo oggi a cinquanta ragazzi del centro e sud Italia una grande opportunità di crescita futura, ma anche 23 posti di lavoro immediati ai nostri ragazzi diplomati. Questo modello virtuoso si conferma, ma l’I.T.S. vuole crescere ancora”.

Per i nuovi corsi del 2016, grazie al coinvolgimento di undici società armatoriali (Calisa S.p.A., Carboflotta, Finbeta S.p.A., Italia Marittima, LNG Shipping ed RBD Armatori che si aggiungono a quelle che oggi hanno consegnato le lettere di assunzione) il corso ha aumentato i posti disponibili, da 30 a 50. Al bando di selezione si erano presentati 300 candidati provenienti non solo dal Lazio ma anche dalle altre regioni italiane, vogliosi di intraprendere un percorso didattico unico nel suo genere.

Durante i due anni di formazione gli allievi avranno modo di alternare periodi di formazione in aula con esperienze dirette a bordo: alle circa 1.500 ore di lezione in classe si alterneranno tre periodi di imbarco per un totale di 12 mesi, tempo necessario per consentire loro di accedere al titolo di ufficiale.

L’Istituto non è quindi solo ormai una realtà affermata nel settore marittimo ma si configura tra le prime realtà didattiche a soddisfare la nuova normativa dell’alternanza scuola-lavoro entrata a regime con la nuova legge di stabilità varata dal governo.Tra settembre ed ottobre l’I.T.S. conta di poter aprire un nuovo bando di iscrizione per soddisfare ulteriormente il bisogno del mercato.

La cerimonia di consegna dei diplomi si è svolta oggi, nel corso dell’inaugurazione della nuove sede della Fondazione presso il Palazzo della Cultura di Gaeta. All’evento hanno partecipato oltre all’On. Silvia Costa e all’On. Gabriele Toccafondi anche Lucia Valente, Assessore al Lavoro della Regione Lazio, Pierluigi Faloni, Prefetto di Latina, Giuseppe Tarzia, Direttore Marittimo del Lazio e Capo del Compartimento Marittimo di Civitavecchia, e Cosmo Mitrano, Sindaco di Gaeta. A rappresentare le prime aziende non armatoriali sostenitrici della Fondazione anche Francesco Gargiulo, Ceo di Imec, e Ugo Salerno, Presidente e Ceo di Rina S.p.A.

Leggi anche:

  1. Fondazione Marco Polo: a Venezia il primo Istituto tecnico di logistica portuale
  2. AssForMar entra nella Fondazione Accademia nautica dell’Adriatico
  3. Confitarma: per D’Amico gli armatori italiani continuano a competere
  4. LA FONDAZIONE CARIGE PER LO YACHT CLUB SANREMO
  5. Fondazione Istituto di Cultura Marittimo Portuale di Trieste: cambio al vertice

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=35471

Scritto da Redazione su gen 22 2016. Archiviato come Italia, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 12 N°2

BRINDISI - Lo speciale di questo nuovo numero de Il Nautilus è dedicato al porto di Trieste che, tra cambiamenti già effettuati e progetti con finanziamenti in arrivo, sta mutando la sua fisionomia e crescendo come scalo in Adriatico. Accanto a queste novità sullo scalo ci sono anche quelle che riguardano i porti di Livorno, Porto Torres, Savona, Cagliari, Ancona e Bari. In questo numero troverete anche un’intera pagina dedicata alla fiscalità legata al mondo del diportismo con gli aggiornamenti sulle ultime modifiche alle leggi.
poseidone danese

© 2017 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab