Home » Italia, News » Porto di Salerno: sindacati e imprenditori in piazza per rivendicarne l’autonomia

Porto di Salerno: sindacati e imprenditori in piazza per rivendicarne l’autonomia

SALERNO – “Giù le mani dal porto di Salerno”: questo lo slogan che ha campeggiato in Piazza Amendola nella città campana; in piazza anche un tir con un enorme striscione con lo slogan simbolo ella manifestazione. I sindacati hanno manifestato insieme con gli operatori dello scalo e gli imprenditori per difendere l’autonomia del porto cittadino.

Erano presenti anche il sindaco, Vincenzo Napoli, per “testimoniare la doverosa attenzione alle maestranze, agli imprenditori e a chi vive questa splendida e concreta realtà salernitana” e Roberto De Luca del Pd.

“Questa mattina – ha detto Amedeo D’Alessio, segretario generale Filt-Cgil Salerno – abbiamo incontrato la dottoressa De Asmundis, della Prefetttura, esponendo le nostre preoccupazioni, sperando che vengano tenute in considerazione nell’ambito della conferenza Stato-Regioni che si terrà l’11 febbraio”. Secondo Roberto De Luca “quello a cui teniamo è l’efficienza e la competitività del porto e dell’intero sistema produttivo della provincia”.

“La manifestazione di questa mattina in piazza Amendola – ha rimarcato in una nota Agostino Gallozzi – è un forte segnale di coesione sociale: tutti insieme lavoratori, imprenditori, Comune di Salerno ed esponenti del mondo delle organizzazioni sindacali e delle associazioni di categoria. Significa che la città, la provincia stanno rispondendo al nostro accorato appello.

Significa che la nostra battaglia è giusta perché si pone l’obiettivo di tutelare gli interessi della comunità salernitana nella sua interezza. Significa che è stato percepito che il porto di Salerno è un valore aggiunto importante: l’unica reale porta di accesso al mondo per le merci prodotte dalle nostre imprese; il porto è la più grande azienda del Salernitano”.

Anche la Cna di Salerno, associazione che rappresenta l’artigianato e le piccole e medie imprese, sostiene il grido “Giù le mani dal porto di Salerno”, ritenendo che “il porto sia essenziale al rilancio dell’export e garantisce un indotto produttivo locale di notevole importanza per le piccole aziende salernitane”.

Leggi anche:

  1. Porto di Salerno: la sicurezza dell’ultimo miglio con il Progetto Habitat
  2. Al via la prima edizione del Salerno Boat Show
  3. Porto di Salerno: bilancio di una stagione di successi in uno dei porti più sicuri del Mediterraneo
  4. BANCHINA RONCIGLIO: IL NUOVO CONSORZIO DEL PORTO DI TRAPANI SCENDE IN CAMPO CON I SINDACATI
  5. Porto di Salerno: inaugurata Marina d’Arechi

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=35728

Scritto da Redazione su feb 3 2016. Archiviato come Italia, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone danese

© 2020 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab