Home » Italia, News » Clia a Franceschini: “Serve soluzione per crocieristica in Adriatico, non solo per Venezia

Clia a Franceschini: “Serve soluzione per crocieristica in Adriatico, non solo per Venezia

ROMA – “CLIA apprezza l’interesse mostrato ieri dal Ministro Franceschini sulla ricerca di una rotta d’accesso per le navi da crociera a Venezia. Ricordiamo che è solo grazie all’autoregolamentazione delle compagnie crocieristiche che le navi da crociera che passano attraverso il Canale della Giudecca hanno un limite di stazza di 96mila tonnellate.

Condividiamo l’auspicio del Ministro Franceschini affinché venga trovata una soluzione con la massima urgenza. La crocieristica a Venezia rappresenta un settore strategico per tutto l’Adriatico. L’attuale situazione di vuoto regolatorio sta colpendo gravemente le economie locali delle città adriatiche, con una perdita in termini economici di 113 milioni di euro nell’ultimo biennio”.

Lo dichiara Francesco Galietti, National Director di CLIA Italy, l’organizzazione internazionale delle compagnie da crociera, in risposta alle dichiarazioni del Ministro per i Beni e le Attività Culturali, Dario Franceschini.

Leggi anche:

  1. LA CROCIERISTICA INCONTRA LA COMUNITA’ LOCALE: SERVE SOLUZIONE PER VENEZIA
  2. CROCIERE: CLIA LANCIA SITO WEB, SERVE UNA SOLUZIONE PER VENEZIA
  3. CLIA: SOSTITUIRE VENEZIA CON TRIESTE? PROPOSTA IMPRATICABILE E DANNOSA
  4. CLIA: ADRIATICO IMPORTANTE MA INTERA REGIONE A RISCHIO SE PROSEGUE STALLO VENEZIA
  5. Clia Europe: Venezia rimanga destinazione sostenibile e sicura

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=36130

Scritto da Redazione su feb 23 2016. Archiviato come Italia, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 14 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato ai porti con un focus sulla Via della Seta e sulla via Traiana, il concetto dello IoT-Internet of Things, il contratto di ormeggio e il nuovo concetto di New-Port. Poi una riflessione sul principio di passaggio inoffensivo(riprendendo vicende come quella dell'Aquarius, Open Arms e Sea Watch 3). E ancora, approfondimenti sul potere amministrativo delle AdSP, Mare 2.0 e sulla navigazione delle navi e non delle merci.
poseidone danese

© 2019 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab