Home » Italia, News » MARINA MILITARE: RITROVATO IL CACCIATORPEDINIERE GIOBERTI

MARINA MILITARE: RITROVATO IL CACCIATORPEDINIERE GIOBERTI

GENOVA – Il Regio Cacciatorpediniere Vincenzo Gioberti, protagonista durante la Seconda Guerra Mondiale di oltre 200 missioni di guerra, è stato localizzato nei pressi dell’isola del Tino a circa 600 metri di profondità dall’ingegner Guido Gay con gli strumenti da lui stesso progettati e installati sul catamarano Daedalus.

Affondato il 9 agosto del 1943 mentre stava scortando la VIII Divisione diretta a Genova, il Cacciatorpediniere fu colpito dai quattro siluri lanciati verso le 5 navi da un sommergibile avversario. La nave si spezzò in due tronconi che affondarono a distanza di decine di metri tra loro. I 171 superstiti furono recuperati da alcuni MAS e da altre unità partite da La Spezia.

L’importante attività di ricerca in altofondale che da alcuni anni vede impegnati la Marina Militare e il MiBACT è volta all’individuazione e alla documentazione dei relitti profondi, oltre ad arricchire le conoscenze archeologiche sulle imbarcazioni ed i traffici commerciali di età antica, medievale e moderna e permette la sperimentazione e lo sviluppo di nuovi ed innovativi strumenti di indagine subacquea.

Alla missione sul cacciamine Gaeta della Marina Militare hanno partecipato tecnici della Soprintendenza Archeologia della Liguria e lo stesso scopritore Guido Gay, al fine di acquisire un accurato rilievo sonar e nuove immagini del relitto del cacciatorpediniere Gioberti.

Approfondimenti:

Il cacciatorpediniere Gioberti faceva parte della 9^ Squadriglia Cacciatorpediniere con i gemelli della classe “Poeti” Alfieri, Oriani e Carducci. Costruito nel cantiere O.T.O. di Livorno fu varato nel 1936 e consegnato alla Marina l’anno successivo.

Durante il conflitto 1940-43 partecipò a 216 missioni di guerra, tra le quali 12 di ricerca del nemico, culminate nelle battaglie di Punta Stilo, Capo Teulada, Gaudo e Matapan, Prima Sirte, Mezzo giugno e Mezzo agosto.

Il 9 luglio 1940 danneggiò, col tiro del suo cannone, l’Incrociatore britannico Neptune, informazione che fino a questo momento non era ancora stata comunicata.
Scortò con successo 60 convogli, ed eseguì 31 missioni di trasporto urgente di truppe e materiali, oltre a bombardamenti controcosta, pose di mine e caccia antisom. Ha percorso complessivamente 74.071 miglia.

Lungo 106,7 metri aveva un apparato motore composto da 3 caldaie a vapore surriscaldato e 2 turbine che potevano spingere la nave fino ad una velocità massima di 39 nodi.
Aveva un equipaggio di 173 uomini tra ufficiali, sottufficiali, graduati e comuni, e un armamento di 4 cannoni da 120/50 mm, 2 mitragliere pesanti da 37/54 mm, 8 mitragliere da 20/65 mm e 6 tubi lanciasiluri da 533 mm, in aggiunta a 2 lanciabombe.

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=37230

Scritto da su Apr 7 2016. Archiviato come Italia, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone

© 2021 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab