Home » Italia, News » Ministero dell’Ambiente: “Schettino e Costa paghino i danni della Concordia”

Ministero dell’Ambiente: “Schettino e Costa paghino i danni della Concordia”

FIRENZE – Il ministero dell’Ambiente, parte civile nel processo di appello sul naufragio della Costa Concordia, ha chiesto stamani che Francesco Schettino e Costa Crociere spa riparino interamente o paghino i costi necessari per rimediare ai danni ambientali all’isola del Giglio.

“Nella sentenza di primo grado il tribunale di Grosseto riconosce che c’è stato danno ambientale ma su questo non stabilisce alcuna condanna all’imputato Schettino e al responsabile civile Costa spa”, ha detto in aula l’avvocato dello Stato, Patrizia Pinna. L’avvocatura dello Stato di Firenze ha chiesto il rigetto degli appelli di Schettino e della Costa, e la conferma della sentenza di primo grado: ma chiede l’aggiunta di una chiara condanna e del risarcimento per i danni ambientali all’isola del Giglio.

Il tribunale, ha argomentato l’avvocato Pinna, sanziona le perdite di vite umane, i feriti e i danni ingentissimi, “riconosce il danno ambientale, ma non emette una condanna, non c’è una sentenza pacifica” in tutti i suoi aspetti. “Sono rimasti in secondo piano i gravissimi pregiudizi causati all’ambiente, valore protetto dalla Costituzione e da garantire con un alto livello di tutela”.

“Credo – ha proseguito l’avvocato Pinna – che la sentenza di appello dovrà tenere di conto anche di questo, dovrà dare attenzione alla tematica ambientale che il tribunale non ha approfondito a sufficienza”.

Nella valutazione del danno e dei relativi costi da risarcire, ha ancora detto l’avvocato dello Stato, “il ministero dell’Ambiente non è in grado ora di effettuare una valutazione definitiva del danno ambientale”, “tenuto conto che il relitto è stato rimosso non molto tempo fa” e che “lo smantellamento del cantiere sui fondali, nonché l’eliminazione delle strutture, pur prossima a terminare, non è ancora stata completata”. Prossima udienza il 6 maggio con interventi di altre parti civili, tra cui la Regione Toscana.

Leggi anche:

  1. Costa Concordia: le barriere sommerse come risorsa per ambiente e economia
  2. Costa Concordia: Schettino si difende
  3. Costa Concordia: due i ricorsi su Schettino
  4. Costa Concordia: controlli antinquinamento al Giglio
  5. Costa Concordia: se Schettino e De Falco diventano Chimera e Bellerofonte

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=38040

Scritto da Redazione su mag 5 2016. Archiviato come Italia, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone danese

© 2020 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab