Home » Italia, News » Porto di Ventimiglia: Cozzi Parodi cede alla Porti di Monaco

Porto di Ventimiglia: Cozzi Parodi cede alla Porti di Monaco

VENTIMIGLIA – E’ stato concluso un accordo preliminare tra il gruppo imperiese “Cozzi Parodi” e la società “Porti di Monaco”, che fa capo al Principato, per la cessione del porto di Ventimiglia, la cui esecuzione è soggetta alle autorizzazioni di legge e ai competenti organi di controllo. Lo comunica la società “Cala del Forte”, che fa capo all’imprenditrice Beatrice Cozzi Parodi. Si tratta di un passaggio di quote societarie e non di concessione.

Il progetto prevede la realizzazione di 324 posti barca, da 8,5 a 45 metri di lunghezza, ma l’eventuale passaggio societario è subordinato all’accoglimento di una richiesta di variante con la quale la “Cala del Forte” mira ad aprire ai grandi yacht, quelli da 18 a 60 metri, e questo comporterebbe una riduzione dei posti barca a 180.

I lavori del porto di Ventimiglia sono stati rallentati dal 2013 a fronte della crisi anche se per il 30% dei posti c’erano state offerte di acquisto. “Spero che la procedura di variante venga portata a termine e i lavori possano riprendere al più presto – commenta il vicesindaco di Ventimiglia con delega al porto, Silvia Sciandra -. E’ nostro interesse avere un porto finito con tutte le opere a corredo”.

Per quanto riguarda la richiesta di variante, la Cala del Forte dovrà completare la produzione di documenti richiesti: “Ad oggi non hanno ancora terminato di presentare la documentazione integrativa che era stata richiesta. Problemi tecnici particolari non sembrano esserci. Da una prima istruttoria degli uffici regionali erano emerse soltanto richieste di integrazione e non cause ostative”, ha detto Sciandra.

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=38291

Scritto da su Mag 14 2016. Archiviato come Italia, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone

© 2021 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab