Home » Italia, News » Avvisatori marittimi dei porti italiani: incontro con Isra-Esra

Avvisatori marittimi dei porti italiani: incontro con Isra-Esra

RAVENNA – Nei giorni 11-12-13 maggio u.s. gli Avvisatori Marittimi dei porti italiani, rappresentati dalla Dott.ssa Maria De Luca in qualità di presidente dell’associazione e del consorzio della categoria, nonché titolare dell’Avvisatore Marittimo del porto di Brindisi, hanno incontrato il presidente di ISRA-ESRA (International Shipping Reporting Association)-(European Shipping Reporting Association) Capt. Peter Langbein presso la sede operativa dell’Avvisatore Marittimo del porto di Ravenna.

Capt. Langbein è titolare dello Shipping Reporting service nei porti di Bremerhaven e Bremen e rappresenta, quale presidente dell’associazione ISRA-ESRA, i porti di Amburgo,  Rottermam, Amsterdam, Anversa, oltre ovviamente Bremerhaven e Bremen.

Nonostante l’Associazione Avvisatori Italiani ed ESRA fossero in contatto da diversi anni, è stata questa la prima occasione di uno scambio di informazioni necessarie a constatare come le realtà del nord Europa e quelle delle coste italiane siano perfettamente in linea in relazione alla tipologia di attività e dei servizi resi ai rispettivi cluster portuali ed Autorità civili e militari.

Non sono mancati gli approfondimenti circa i sistemi informatici in utilizzo nei porti nordeuropei dove si è appreso che, chi maggiormente in stato di avanzamento, chi meno, gli Shipping reporting o Port Informer o Ships Information o semplicemente Avvisatori Marittimi operano sulla NSW o ANSW (advanced national single window) o nei local PCS. Punto di forza ed orgoglio è stato poter confermare che, anche se in corso di perfezionamento, la NSW italiana sta operando fin dalla data prestabilita dalla direttiva europea 65/2010 cosa che non avviene ancora per alcuni porti, specialmente per quelli Olandesi.

In due giornate di incontro / confronto, le due Associazioni hanno determinato  di avviare una sinergia tra loro adottando un’interfaccia comune al fine di arricchire le rispettive piattaforme con dati validati ed aggiornati in tempo reale, cosa risultata di grande interesse per il comparto armatoriale e che sicuramente porterà ad un’importante partnership europea.

Leggi anche:

  1. Grimaldi: “Gap infrastrutturale dei porti italiani va colmato”
  2. Massidda riconfermato vicepresidente dei porti italiani
  3. ITALIAN CRUISE DAY: La Casa dei Porti Crocieristici Italiani
  4. Porti italiani: si discute anche di spending review
  5. Unione Europea: bocciato il progetto dei porti italiani

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=38412

Scritto da Redazione su mag 18 2016. Archiviato come Italia, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone danese

© 2020 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab