peyrani
Home » Europa, News » Armatori europei per la Mobilità a basse emissioni

Armatori europei per la Mobilità a basse emissioni

BRUXELLES – “Crediamo che tutti gli attori del trasporto marittimo internazionale debbano partecipare alle soluzioni globali per limitare l’aumento della temperatura del pianeta e pronti a ridurre le emissioni di carbonio”; così il commento di  Patrick Verhoeven, Segretario generale dell’ Associazione europea degli armatori. L’ECSA, European Community Shipowners’Association, ha accolto favorevolmente la pubblicazione di recente della Commissione Ue di  “Una Strategia Europea per la Mobilità a basse Emissioni”; strategia che interessa tutti i settori del processo trasportistico di persone e merci con tutte le sue modalità, impegnando gli attori a ridurre le emissioni di gas serra e gli inquinanti atmosferici.

Il sistema internazionale dei trasporti marittimi, oggi, impegna più del 90% del commercio mondiale ed è responsabile da solo per il 2,2% delle emissioni globali di CO2. Uno studio recente dell’IMO prevede che, senza le dovute misure preventive da  adottare a breve termine, presto, le emissioni di CO2 dell’intero shipping potranno aumentare del 50% entro il 2050  a causa dell’aumento dei traffici marittimi.

L’ECSA concorda con l’approccio della strategia dell’Unione Europea anche sul fronte del sostegno alla multi modalità, all’uso di combustibili alternativi, l’innovazione nella propulsione navale e la digitalizzazione dei processi energetici.

Infine, conclude Verhoeven, occorrerà un accordo globale per rendere obbligatoria la raccolta e la comunicazione dei dati sulle emissioni di gas serra dovute al trasporto marittimo internazionale in accordo con l’IMO. Da parte degli armatori europei esiste già l’impegno a ridurre le quantità di CO2  su tutta la flotta mercantile.

 

Abele Carruezzo

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. UE per la mobilità a basse emissioni
  2. Basse emissioni di zolfo nel porto di Venezia
  3. Armatori europei: difficile rispettare il termine 2016 per le emissioni delle navi
  4. UE: Parlamento favorevole a monitorare emissioni di CO2 delle navi
  5. UE: armatori europei ancora contro la commissione europea

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=40410

Scritto da Abele Carruezzo su lug 31 2016. Archiviato come Europa, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 12 N°3

BRINDISI - In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato alle crociere, a livello nazionale ed internazionale, con i nuovi dati di Risposte Turismo: dalla classifica dei porti italiani in base al numero di croceristi alle previsioni per il 2018 con i programmi dei porti già fissati con le grandi compagnie. Poi un focus di Stefano Carbonara sul cyber crimine applicato al mondo dello shopping con lo contromosse necessarie. Da Assologistica arrivano anche le indicazioni per il mondo dei porti e non solo, con tendenze e lacune da colmare. Ad Ancona, Napoli, Trieste, Venezia, Brindisi e Livorno sono dedicati tanti servizi sulle ultime notizie che giungono da questi scali dopo la riforma dei porti..
poseidone danese

© 2018 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab