peyrani
Home » Italia, News » Porto di La Spezia: confermate 50 ore di sciopero dell’autotrasporto

Porto di La Spezia: confermate 50 ore di sciopero dell’autotrasporto

GENOVA – Cinquanta ore di sciopero dell’autotrasporto per bloccare il Porto di La Spezia dopo la mancata firma del protocollo d’intesa per risolvere le problematiche causate dal nuovo sistema di pesatura dei container. Le associazioni dell’autotrasporto provinciali di Cna e Confartigianato hanno confermato il fermo a partire dalle ore 22 del prossimo 7 agosto e fino alla mezzanotte del 9 agosto, ribadendo che “malgrado la volontà di voler revocare il fermo, consci che questo creerebbe disagi alla comunità oltre che agli attori direttamente coinvolti, non possiamo farlo”.

Nonostante l’impegno preso dall’Autorità Portuale, dicono Cna Fita e Confartigianato, con l’avvio di un percorso che ha messo allo stesso tavolo le parti interessate è mancata la firma del protocollo necessario a prevenire i problemi e per progettare possibili soluzioni.

Al centro i disagi per i camionisti ai varchi di ingresso, procedure complesse e tempi d’attesa estenuanti, dopo l’avvio del nuovo sistema di pesatura dei container a partire dal 1 luglio. “Auspichiamo ancora che il protocollo verrà siglato a brevissimo”.

Leggi anche:

  1. Porto di La Spezia: le associazioni di categorie riunite in Spezia Port Service
  2. Porto di Napoli: lunedì sciopero dei marittimi Caremar nel Golfo
  3. Porto di Gioia Tauro: sciopero dei lavoratori, adesione totale
  4. Porto di La Spezia: primo porto regionale in Italia con gru da 23 file
  5. Porto di La Spezia: accordo per monitorare emissioni delle navi

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=40428

Scritto da Redazione su ago 1 2016. Archiviato come Italia, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 12 N°3

BRINDISI - In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato alle crociere, a livello nazionale ed internazionale, con i nuovi dati di Risposte Turismo: dalla classifica dei porti italiani in base al numero di croceristi alle previsioni per il 2018 con i programmi dei porti già fissati con le grandi compagnie. Poi un focus di Stefano Carbonara sul cyber crimine applicato al mondo dello shopping con lo contromosse necessarie. Da Assologistica arrivano anche le indicazioni per il mondo dei porti e non solo, con tendenze e lacune da colmare. Ad Ancona, Napoli, Trieste, Venezia, Brindisi e Livorno sono dedicati tanti servizi sulle ultime notizie che giungono da questi scali dopo la riforma dei porti..
poseidone danese

© 2018 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab