Home » Italia, News » I marittimi e le loro certificazioni

I marittimi e le loro certificazioni

ROMA – Come da programma ieri si è aperto il “tavolo” di confronto presso il Ministero dei Trasporti sulla formazione, adeguamento e rilascio certificati STCW del personale marittimo tra le OO.SS.  Confederali  e Ministero dei Trasporti ed è continuato, oggi, con gli autonomi (Ugl mare e porti, Usclac, UncDim-Smacd, Federmar Cisal e Orsa Marittimi). La discussione è stata improntata  principalmente sulle problematiche burocratiche che riguarderebbero i rinnovi delle certificazioni.

A detta delle rappresentanze sindacali l’incontro è stato positivo anche alla luce di quello che si diceva  nell’Assemblea generale di Confitarma alla presenza del Ministro Delrio, il quale ha promesso di rivedere anche le clausole (ancora in discussione alle Camere) che vincolano per alcune rotte la concessione di incentivi fiscali e previdenziali a compagnie di navigazione che imbarcano esclusivamente personale italiano/comunitario.  per l’imbarco di marittimi italiani su particolari rotte; “… Cercheremo di tenerlo in considerazione in tutte le sue implicazioni, ha detto il Ministro, noi pensavamo che da questo provvedimento potesse arrivare occupazione”.

Sul versante dei marittimi e delle certificazioni  a tutti i livelli di inquadramento, il tavolo tecnico/sindacale  ha sottolineato che i corsi obbligatori da effettuarsi entro il 31 dicembre 2016 rimangono tali e si conferma  l’estensione dei termini di scadenza al 31 marzo 2017 per i marittimi impiegati nei viaggi nazionali. Anche se questo era contenuto già nell’ultima circolare del Ministero, le preoccupazioni e le modalità per rispettare la Convenzione Internazionale STCW rimangono tutte.

Per i Comandanti e Direttori di macchina si sono dati dei tempi aggiuntivi. Per i corsi direttivi riguardanti i loro livelli di inquadramento, si  è già individuata una commissione tecnica, formata da organizzazioni sindacali e Ministero, che, a partire dal prossimo 11 novembre, dovrà rimodulare i contenuti dei piani formativi e la durata stessa dei corsi.

 

Abele Carruezzo

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=42546

Scritto da su Ott 26 2016. Archiviato come Italia, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone

© 2021 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab