Home » Internazionale, News » I tre armatori giapponesi più importanti annunciano una joint venture

I tre armatori giapponesi più importanti annunciano una joint venture

TOKYO – Per contrastare il rallentamento della domanda dei trasporti via mare e l’abbassamento delle tariffe i tre principali armatori giapponesi hanno raggiunto un accordo per formare una joint venture con l’integrazione delle proprie attività a partire dal luglio del 2017 e l’inizio delle operazioni nell’aprile dell’anno successivo.

Nippon Yusen, Mitsui O.S.K. e Kawasaki Kisen investiranno assieme 300 miliardi di yen (l’equivalente di 2,6 miliardi di euro), in una nuova società per diventare il sesto armatore mondiale, con un fatturato di oltre 2.000 miliardi di yen e un contributo derivante dalla sinergia di circa 110 miliardi.

La decisione arriva in una fase di riduzione della domanda dei trasporti via cargo, complice anche l’introduzione negli ultimi anni delle nuove navi mercantili e i bastimenti di grandi dimensioni. “Intendiamo portare un cambio di visione al commercio globale e la struttura dell’industria giapponese”, ha detto il presidente di Mitsui O.S.K Junichiro Ikea, che ha definito l’accordo un ‘cambio epocale’.

Il capo di Gabinetto Yoshihide Suga ha indicato che il governo accoglie con entusiasmo la notizia, spiegando che l’integrazione servirà a rafforzare l’intero settore della navigazione in Giappone.

Leggi anche:

  1. FINCANTIERI COSTITUISCE UNA JOINT VENTURE IN CINA
  2. Armatori europei: difficile rispettare il termine 2016 per le emissioni delle navi
  3. Fiera Genova propone Joint venture con Ucina per Salone Nautico
  4. Sequestro Ievoli: armatori fiduciosi
  5. Armatori greci preoccupati

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=42673

Scritto da Redazione su ott 31 2016. Archiviato come Internazionale, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 13 N°2

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato ad Assologistica e alle idee per il futuro messe insieme dall’associazione di categoria: le commissioni interne hanno espresso i loro orientamenti in maniera dettagliata e su questo tracciato si disegnano le decisioni future. All’interno di questo numero troverete anche tante informazioni sui porti di Livorno, Piombino, Trieste, Civitavecchia, Venezia e Genova ma anche le direttive internazionali sull’utilizzo di Gnl per uso energetico e la Brexit.
poseidone danese

© 2018 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab