Home » Europa, News » Polemiche per il taglio parziale delle emissioni delle navi

Polemiche per il taglio parziale delle emissioni delle navi

ROMA – Ha scatenato molte polemiche fra gli ambientalisti l’accordo a metà per la riduzione delle emissioni di gas serra dal settore marittimo. L’agenzia dell’Onu per i trasporti marittimi, la International Maritime Organization (IMO), il 27 ottobre a Londra ha concordato una riduzione della percentuale massima di ossidi di zolfo (SOx) nei carburanti, dal 3,5% allo 0,5% nel 2020, ma ha rinviato al 2018 la trattativa sulle emissioni di anidride carbonica (CO2), principale gas serra.

Il rinvio sulla CO2 significa che nessun taglio entrerà in vigore prima del 2023. “Questa non può essere vista in alcun modo come una risposta appropriata alla sfida posta dall’Accordo di Parigi sul clima – ha commentato con il quotidiano britannico “Guardian” Sotiris Raptis, di Transport and Environment -. La IMO si propone di bloccare ogni azione fino al 2023″.

Per l’europarlamentare socialista Jytte Guteland, “in assenza di un’azione dell’IMO, l’Unione europea deve includere le emissioni delle navi nel suo target del 2030 per clima. Creando un fondo clima per lo shipping, l’Europa può aiutare l’industria a tagliare le emissioni in modo efficace”.

“Il settore marittimo internazionale è l’unico settore dei trasporti che non contribuisce agli obiettivi climatici europei – ha commentato l’europarlamentare verde Bas Eickhout -. Poiché l’IMO non prenderà in considerazione nessuna misura di riduzione delle emissioni per molti anni a venire, il nostro dovere è di garantire che l’Europa agisca”.

Leggi anche:

  1. Armatori europei: difficile rispettare il termine 2016 per le emissioni delle navi
  2. UE: IMO regolerà emissioni delle navi
  3. UE: Parlamento favorevole a monitorare emissioni di CO2 delle navi
  4. Emissioni di CO2 da navi: ora interviene anche la ICS
  5. La Camera delle Spedizioni Marittime del Regno Unito adotta “manuali” per la riduzione delle emissioni di carbonio

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=42740

Scritto da Redazione su nov 3 2016. Archiviato come Europa, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone danese

© 2020 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab