Home » Italia, News » San Giorgio del porto: nuova commessa nell’offshore

San Giorgio del porto: nuova commessa nell’offshore

GENOVA – Il cantiere genovese San Giorgio del porto si è aggiudicato la commessa per la manutenzione di due mezzi offshore della società Emas Chiyoda Subsea, compagnia singaporiana-giapponese che opera nel settore delle installazioni offshore con una flotta di quaranta unità.

Il primo dei due mezzi, Lewek Connector, lungo 157 metri e largo 32, usato per la costruzione e le installazioni nell’ambito offshore è arrivato a Genova oggi e ci resterà due mesi per lavori di manutenzione e preparazione. Il Lewick Constellation, posa tubi e posa cavi lungo 178 metri e largo 46 è atteso domani. Il valore dell’ordine, che impegnerà circa un centinaio di lavoratori, non è stato comunicato.

“Avere portato a Genova due commesse di questa importanza conferma la qualità del nostro lavoro e del made-in-Italy, apprezzato anche a livello internazionale” commenta Ferdinando Garrè, a.d. di San Giorgio del porto, cantiere leader in Europa nelle riparazioni navali e unica azienda italiana iscritta all’albo dei demolitori. “Ci auguriamo che sia solo l’inizio di un rapporto solido e duraturo” completa Tiziano Zarbo, senior vice president Global Vessel and Asset di Emas Chiyoda Subsea.

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=43110

Scritto da su Nov 17 2016. Archiviato come Italia, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone

© 2021 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab