Home » Italia, News » GRIMALDI: le prime motonavi si adeguano alle normative IMO sulle acque di zavorra

GRIMALDI: le prime motonavi si adeguano alle normative IMO sulle acque di zavorra

NAPOLI – una delle numerose iniziative imprenditoriali di Aldo Grimaldi, che oggi racchiude tutte le partecipazioni finanziarie e industriali del “decano degli armatori italiani”, da oltre 60 anni presente da protagonista nel settore dello shipping nazionale e internazionale – ha recentemente commissionato ad Alfa Laval – leader globale nella fornitura di componenti specializzati e soluzioni ingegneristiche basate sulle sue tecnologie chiave dello scambio termico, della separazione e della movimentazione dei fluidi – un’importante commessa per la fornitura e installazione del sistema “PureBallast 3.1” su due delle navi della propria flotta di ferry cruise, in particolare la M/N FORZA e la M/N TENACIA.
Questo progetto si prefigge diversi obiettivi tra i quali, in particolare, quello della tutela ambientale.

Per questa ragione Grimaldi Holding è la prima compagnia di navigazione italiana di navi Ferry-Cruise a equipaggiare le proprie navi con un impianto “PureBallast 3.1” per il trattamento delle acque di zavorra in anticipo rispetto alla normativa IMO sul tema che entrerà in vigore nel settembre del prossimo anno.
La prima installazione è infatti prevista sulla M/N FORZA a gennaio 2017, mentre la seconda installazione, sulla M/N TENACIA, sarà a fine 2017.

Alfa Laval PureBallast 3.1 è la terza generazione della tecnologia leader per il trattamento delle acque di zavorra. Questo sistema unico, caratterizzato da elevata flessibilità e da supporto di prim’ordine è in grado di offrire la migliore performance nel trattamento di tutte le acque: pulite, salate e marine. È anche il sistema ideale per acque a bassa trasparenza, in quanto agisce a pieno flusso con una trasmittenza UV a partire dal 42%.

Per offrire un valore aggiunto, Alfa Laval opera in partnership con i committenti per prevenire fin dall’inizio eventuali problematiche, attraverso ispezioni regolari, corsi di formazione e servizi di follow-up. I propri ingegneri, dislocati in ogni parte del mondo, hanno una conoscenza approfondita e sono in grado sia di preservare gli impianti del committente che di migliorarne l’utilizzo.

“Questo progetto – ha commentato Aldo Grimaldi Presidente di Grimaldi Holding – consentirà alle navi della nostra flotta di primeggiare non solo, per le loro straordinarie caratteristiche tecniche (quali velocità, sicurezza, confort per i passeggeri, capacità di carico, ecc.), ma anche in funzione dell’ambiente, ponendoci al vertice della categoria dei ferry cruise e confermando la validità del progetto nato una decina di anni fa, ma ancora perfettamente attuale e di riferimento in Europa e nel mondo.”

“Quest’ordine sottolinea ulteriormente l’attenzione che Alfa Laval mostra nei confronti della tutela dell’ecosistema applicata al mondo dello shipping” ha commentato Sergio Hicke, Managing Director di Alfa Laval Adriatic Region, che aggiunge “Ci fa particolarmente piacere avere l’opportunità di collaborare con Grimaldi Holding, con la quale condividiamo l’impegno per una migliore qualità dell’ambiente e del mare.”

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=43859

Scritto da su Dic 20 2016. Archiviato come Italia, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone

© 2021 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab