Home » Italia, News » Corte costituzionale su canoni: Nautica Italiana soddisfatta

Corte costituzionale su canoni: Nautica Italiana soddisfatta

MILANO – Nautica Italiana, l’associazione nautica affiliata a Fondazione Altagamma che rappresenta l’eccellenza del Made in Italy , ha accolto con soddisfazione la sentenza della Corte Costituzionale sull’aumento retroattivo dei canoni demaniali per i porti turistici. La sentenza dichiara non fondata la questione di legittimità costituzionale della norma.

I Porti dovranno pagare, ma la sentenza esclude che i nuovi valori tabellari possano essere applicati ai Porti turistici così come successivamente realizzati dal concessionario. La Corte precisa, infatti, che i valori tabellari devono essere applicati all’area e allo specchio acqueo nelle misure indicate (le consistenze).

Proprio in riferimento ai valori tabellari da applicare, Nautica Italiana esprime soddisfazione “sia perché sono state accolte le posizioni dei suoi associati – si legge in una nota – sia perché si fa un concreto passo in avanti in termini di equità del calcolo, dando maggiore certezza all’operatore che ha investito in Marina turistici”. Nella sentenza la Corte “ha fornito una chiarissima indicazione in merito all’applicazione dei nuovi parametri tabellari, che mostra di tenere conto delle difese delle parti private, che da anni si battono per correggere una distorta interpretazione della norma contenuta nella legge Finanziaria per il 2017, portando avanti un contenzioso decennale in diverse sedi civili e amministrative”.

“Dopo anni di ricorsi, questa sentenza dà una prima indicazione su come calcolare il canone da pagare annualmente allo Stato – ha commentato Matteo Italo Ratti, consigliere di Nautica italiana -. Questo provvedimento distenderà i rapporti con l’amministrazione locale, la quale funge solo da ente esattore, perché i proventi sono destinati allo Stato e non al Comune”.

“Per NAUTICA ITALIANA l’impegno sul fronte legislativo è strategico per rispondere alle criticità del settore- ha aggiunto il presidente, Lamberto Tacoli -. Ed è significativo perché supera errate interpretazioni della norma dando chiarezza”. L’Associazione conta ad oggi 81 aziende associate.

Il settore dei marina rappresenta il 9% degli associati. Tra gli altri Marina Cala dè Medici, Marina di Genova, Marina di Varazze, Marina di Portofino, Porto Lotti, Porto Mirabello e il consorzio M.I.N.S.Y., che conta al suo interno diversi scali dell’Adriatico.

Leggi anche:

  1. La Corte costituzionale chiamata a decidere sul retroattivo dei canoni demaniali
  2. NAUTICA 365: NAUTICA ITALIANA PRESENTA LA NUOVA STORIA DEL MARE IN ITALIA
  3. CONTINUA LA CRESCITA DI NAUTICA ITALIANA CHE SUPERA I 60 ASSOCIATI
  4. UCINA Assomarinas Assonat: Marina resort sentenza Corte Costituzionale
  5. “Nautica Italiana” è l’associazione che da oggi riunisce l’eccellenza nautica italiana

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=44693

Scritto da Redazione su gen 29 2017. Archiviato come Italia, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 13 N°1

In questo nuovo numero de Il Nautilus vi proponiamo uno speciale sul porto di Trieste con gli ultimi dati e provvedimenti che riguardano le recenti attività dell’Autorità di sistema. Si parla anche dei porti di Civitavecchia, Ancona, Venezia, Napoli, La Spezia, Genova, Cagliari e Porto Torres. Ma si parla anche dei risultati della manifestazione NauticSud che si è svolta a Napoli e di come vengono smaltiti i rifiuti prodotti dalle navi secondo le ultime direttive internazionali.
poseidone danese

© 2018 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab