Home » Italia, News » I porti di Napoli e Trieste esempi di recupero dei waterfront

I porti di Napoli e Trieste esempi di recupero dei waterfront

TRIESTE – Napoli e Trieste, due esperienze di recupero di “waterfront” urbano diverse tra loro ma entrambe “con la possibilità di diventare esempi di buone pratiche a livello nazionale e internazionale”. Le ha definite così il presidente nazionale dell’International Propeller Club Umberto Masucci durante il convegno “La rigenerazione dei waterfront portuali: Trieste e Napoli, esperienze a confronto” organizzato in serata dal club triestino.

I relatori hanno preso in analisi differenze e analogie tra le due aree. Il presidente dell’Autorità di sistema portuale del Tirreno Centrale, Pietro Spirito, e il docente dell’ateneo partenopeo Federico II, Massimo Clemente, hanno parlato dell’ esperienza napoletana.

Il presidente dell’Ap triestina Zeno D’Agostino ha fissato “due cose da fare” in vista del recupero del Porto vecchio triestino: una convenzione Ap-Comune che sancisca l’accesso al mare per gli acquirenti; un chiaro elenco dei vincoli architettonici e infrastrutturali dell’area. Sono intervenuti poi l’architetto Francesco Krecic per la Soprintendenza Fvg, l’ingegner Giulio Bernetti per il Comune, i docenti di Units Giovanni Fraziano, Paolo Giordano.

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=45165

Scritto da su Feb 21 2017. Archiviato come Italia, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone

© 2021 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab