Home » Italia, News » Stati generali della Pesca occorrono garanzie

Stati generali della Pesca occorrono garanzie

ROMA – Sin dal 2013, la politica “renziana” aveva promesso un piano assicurativo per il comparto ittico e dell’acquacoltura, al fine di garantire coperture e indennizzi analoghi a quelli del settore dell’agricoltura. Ultimamente, il Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali aveva dato l’incarico all’ISMEA (Istituto di Servizi per il Mercato Agricolo Alimentare) per studiare i rischi a cui vanno soggetti gli operatori del settore della pesca.

La settimana scorsa, a Roma, gli Stati Generali della Pesca, organizzati dall’Alleanza delle Cooperative, hanno messo a fuoco tutte le sfaccettature sull’argomento, con il sostegno forte dell’onorevole Laura Venittelli, responsabile nazionale Pesca e Acquacoltura del Pd. “Si tratta di un passaggio molto importante, poiché detta i tempi della risoluzione presentata in Parlamento e pone in evidenza come il traguardo ormai sia a portata di mano, per quella che sarebbe una svolta epocale a vantaggio delle marinerie e delle imprese di pesca – ha sottolineato lì onorevole Venittelli – attraverso il perseguimento dell’obiettivo congiunto con ISMEA, portato avanti fino a questo momento sul tema della gestione del rischio nella pesca e nell’acquacoltura, con la finalità di valutare possibili strade assicurative simili a quelle applicate in agricoltura”.

Lo studio si è sviluppato in tre fasi: la prima ha visto la somministrazione di un questionario a pescatori e acquacoltori per valutare la percezione dei rischi della loro attività (rischi operativi, di mercato, finanziari, sociali ed istituzionali) e se sono disposti a ricorrere a futuri sistemi assicurativi o a fondi di mutualizzazione. La seconda fase si compone di quattro focus group (due nazionali a Roma), uno a Porto Tolle e uno ad Acireale.

I gruppi hanno l’obiettivo di far emergere le problematiche più sentite dagli addetti con riferimento alle assicurazioni e ai rischi assicurabili. La terza e ultima fase riguarda la raccolta dei dati con la successiva analisi e valutazioni da offrire sul tavolo del Ministero delle Politiche Agricole, per un’applicazione futura di sistemi assicurativi agevolati per i pescatori.

 

Abele Carruezzo

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Rilascio e rinnovo delle licenze di pesca
  2. Stati generali della portualità incontrano Lupi: Piano entro la fine del mese
  3. Regione Puglia: Stefàno chiede un incontro urgente al Ministro Catania sul fermo biologico della Pesca
  4. Pesca in Adriatico: il 9 novembre incontro tra Ministero e Regioni
  5. Bloccata la pesca del tonno rosso

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=46070

Scritto da Abele Carruezzo su apr 2 2017. Archiviato come Italia, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 12 N°3

BRINDISI - In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato alle crociere, a livello nazionale ed internazionale, con i nuovi dati di Risposte Turismo: dalla classifica dei porti italiani in base al numero di croceristi alle previsioni per il 2018 con i programmi dei porti già fissati con le grandi compagnie. Poi un focus di Stefano Carbonara sul cyber crimine applicato al mondo dello shopping con lo contromosse necessarie. Da Assologistica arrivano anche le indicazioni per il mondo dei porti e non solo, con tendenze e lacune da colmare. Ad Ancona, Napoli, Trieste, Venezia, Brindisi e Livorno sono dedicati tanti servizi sulle ultime notizie che giungono da questi scali dopo la riforma dei porti..
poseidone danese

© 2018 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab