Home » Italia, News » Un mare di cose dette e fatte da THESI

Un mare di cose dette e fatte da THESI

MOLA DI BARI – Una settimana piena per un aggiornamento specifico (per istruttori) sul nuovo sistema NAVI-TRAINER PROFESSIONAL 5000 (NTPRO 5000) della TRANSAS (TRANsport SAfety Systems). La Thesi s.r.l. di Mola di Bari, eccellenza per l’alta formazione professionale di marittimi, dota il proprio “simulatore di manovra” di un software all’avanguardia per ulteriori corsi di  training per ufficiali e comandanti di navi.  Entro il prossimo luglio 2017, il piano predisposto dall’IMO sui sistemi elettronici presenti a bordo sarà completato, imponendo a navi da carico oltre le 10.000 tonnellate di stazza lorda di dotarsi di un ECDIS (Electronic Chart Display and Information System).

Già presso il Centro Thesi erano e sono attivati i corsi per ECDIS “Generico“ per apparati utilizzati Transas ed ECDIS “Type Specific” apparati utilizzati Furuno, oltre ai corsi di formazione per formatori. Ora con l’aggiunta di questo nuovo software sarà possibile il training di ECDIS “Type Specific” per apparati Transas. La necessità di tali corsi per ufficiali e comandanti di navi diventa impellente per evitare la c.d. sindrome della “all – electronic” che si ha a bordo di navi con sistemi operanti ECDIS, per cui la STCW/78/95 ed emendata Manila 2010, ha reso obbligatorio una formazione per l’uso generico e un addestramento specifico sul sistema ECDIS presente a bordo della nave.

Rimane una considerazione: possiamo affermare che la cartografia nautica, come il sestante e come l’astronomia nautica è solo un ricordo scolastico che non ha mai avuto una pratica attuazione durante la carriera di un ufficiale “nativo digitale”; mentre i più anziani affronteranno questa fase di transizione con quella passione e professionalità che gli ha sempre distinto, dal radiogoniometro al satellitare e dalla bussola magnetica a quella gyro-laser.

Così, sotto la guida dell’International Trainer della Transas, Com. te Fausto Ferrara, gli istruttori Thesi, hanno potuto elaborare sul simulatore tutte le fasi di una safety navigation, dall’aggiornamento cartografico, dai parametri safety di una nave, alle varie fasi di una pianificazione di un viaggio in sicurezza, alla velocità economica desiderata, da un porto di partenza a quello d’arrivo, e nel rispetto della salvaguardia della vita umana in mare, del carico e dell’ambiente marino. Dopo un addestramento puntuale sulle keyboard del nuovo sistema, sono state studiate le principali tipologie delle nuove carte elettroniche.

Nello specifico training è stato affrontato il problema importante dell’interfaccia radar “ARPA” ed ECDIS, elaborando i cross track distance e soprattutto la route monitoring. Inoltre, sono state affrontate le situazioni di una nave in manovra di ormeggio alla banchina e ancoraggio. “Ringrazio tutti i partecipanti al corso, comandanti, ingegneri e professori, e soprattutto il Com. te Fausto Ferrara della Transas – ha commentato il direttore della Thesi, Com. te Simone Quaranta –  che con la sua professionalità e competenza messe in campo, si da la possibilità alla Thesi di affermare ancora una volta: abbiamo un mare di cose da dire“.

 

Abele Carruezzo

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=46247

Scritto da su Apr 7 2017. Archiviato come Italia, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone

© 2021 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab