Home » Europa, News » Armatori UE sui danni di inquinamento prodotti da merci pericolose trasportate da navi

Armatori UE sui danni di inquinamento prodotti da merci pericolose trasportate da navi

BRUXELLES – La settimana scorsa, il Parlamento Ue ha adottato le Raccomandazioni sul Protocollo 2010 alla Convenzione Internazionale sulle responsabilità e sul risarcimento dei danni prodotti da trasporto di sostanze pericolose e nocive via mare (International Convention on Liability and Compensation for Damage in Connection with the Carriage of Hazardous and Noxious Substances by Sea 1996): gli armatori europei si sono dichiarati favorevoli.

Necessario consenso per l’adozione del Consiglio che autorizza gli Stati membri a ratificare o aderire a tale accordo internazionale, nel rispetto della sovranità degli stessi. “Accogliamo con favore questa decisione, nella speranza di essere vicini alla fine del processo legislativo dell’UE, che consentirà agli Stati membri di ratificare e aderire alla convenzione”, ha commentato Patrick Verhoeven, Segretario generale dell’ECSA (European Community Shipowners’Associations)”.

“La Convenzione stabilisce un regime di copertura globale dei danni di inquinamento da sostanze pericolose e nocive trasportate da navi. Noi sosteniamo fortemente la Convenzione e sollecitiamo la sua rapida entrata in vigore”, ha concluso Verhoeven. La Convenzione Internazionale 2010 sulle responsabilità e sul risarcimento dei danni connessi al trasporto marittimo di sostanze pericolose e nocive via mare è una parte importante del sistema internazionale delle responsabilità e del risarcimento marittimo.

Questa tipologia di trasporto di merci pericolose e nocive è un settore dello shipping mondiale in crescita; oggi, sempre più, navi porta-contaneir, chimichiere, gasiere (GNL) e petroliere (GPL) solcano mari e oceani ed eventuali sinistri potrebbero causare danni d’inquinamento irreversibili all’ambiente marino.

Poiché il Protocollo 2010 contiene clausole che rientrano nell’ambito di competenza esclusiva dell’Unione europea, gli Stati membri devono essere autorizzati dal Consiglio per ratificare o aderire a detta Convenzione. Infatti, la procedura legislativa UE prevede l’autorizzazione del Consiglio e l’approvazione del Parlamento europeo, su proposta della Commissione UE sui trasporti.

 

Abele Carruezzo

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Armatori europei contro Parlamento Ue sulle emissioni di gas di navi
  2. Porto di Trieste: progetto per la gestione delle merci pericolose
  3. UE: Armatori contrari al fondo sul riciclo delle navi
  4. UE: armatori europei ancora contro la commissione europea
  5. Navi da rottamare: la UE ratifica

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=46430

Scritto da Abele Carruezzo su apr 17 2017. Archiviato come Europa, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 13 N°1

In questo nuovo numero de Il Nautilus vi proponiamo uno speciale sul porto di Trieste con gli ultimi dati e provvedimenti che riguardano le recenti attività dell’Autorità di sistema. Si parla anche dei porti di Civitavecchia, Ancona, Venezia, Napoli, La Spezia, Genova, Cagliari e Porto Torres. Ma si parla anche dei risultati della manifestazione NauticSud che si è svolta a Napoli e di come vengono smaltiti i rifiuti prodotti dalle navi secondo le ultime direttive internazionali.
poseidone danese

© 2018 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab