peyrani
Home » Internazionale, News » Brexit non frena la nautica inglese

Brexit non frena la nautica inglese

LONDRA – In un comunicato, l’UK Chamber of Shipping afferma che l’industria marittima inglese ha avuto dodici mesi altalenanti per la caduta di valore della sterlina a seguito del referendum Brexit. Molte aziende della filiera nautica, tuttavia, iniziano a raccogliere i frutti. Infatti, la sterlina ha perso il 14% del suo valore nei confronti del dollaro e il 13% nei confronti dell’euro dal giugno 2016.

Per lo shipping inglese, cantieri navali, piattaforme petrolifere e impiantistica on-shore, la sterlina debole ha generato bilanci positivi ed in alcuni casi una significativa ripresa a livello mondiale; in particolare con vendite di prodotti navali in Europa aumentate di circa il 50%. Il fenomeno sta interessando non solo i fornitori per l’industria nautica, ma anche il settore dei trasporti marittimi. Le esportazioni del Regno Unito, nel corso di questi ultimi sei mesi, hanno registrato un buon rapporto qualità-prezzo, compensato da un aumento dei prezzi di acquisto per le importazioni, rispetto ai produttori della catena nautica britannica.

I dati più significativi si sono registrati nel comparto dei componenti per le apparecchiature di navigazione, motori marini, facendo soffrire i piccoli cantieri nautici. Per un’azienda costruire e vendere attrezzature nautiche sono attività diverse dal reggere il mercato e il dopo-mercato. I contratti stipulati in questi ultimi mesi sono stati firmati tutti in euro, per cui la maggior parte delle forniture di attrezzature sono avvenute anche in euro e si sono registrati, perciò, pareggi di bilancio. Mentre si sono avute delle difficoltà per chi ha scelto di importare apparecchiature nautiche dalla Cina, per forniture a lungo termine. Comunque, l’intera filiera della nautica, per fronteggiare la Brexit, sta investendo in ricerca e sviluppo per ottenere vantaggi competitivi e aumentare l’esportazione di prodotti e servizi.

La prossima settimana, Londra, ospiterà la mostra della tecnologia marittima, Tech Week, durante la quale saranno presentati prodotti innovativi e dinamici del settore marittimo made UK; tecnologia leader a livello mondiale che include  l’intera filiera, dalle navi, barche, yacht, alle energie rinnovabili per il trasporto marittimo.

 

Abele Carruezzo

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. NAUTICA 365: NAUTICA ITALIANA PRESENTA LA NUOVA STORIA DEL MARE IN ITALIA
  2. I leader dell’industria nautica francese approdano al Salone Mondiale METS di Amsterdam
  3. UCINA CONFINDUSTRIA NAUTICA: SEGNALI POSITIVI PER LA NOSTRA NAUTICA
  4. La nautica da diporto made in Puglia al “Festival de la Plaisance de Cannes”
  5. Nautica da diporto inglese e la Maritime Labour Convention

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=47778

Scritto da Abele Carruezzo su giu 17 2017. Archiviato come Internazionale, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 12 N°3

BRINDISI - In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato alle crociere, a livello nazionale ed internazionale, con i nuovi dati di Risposte Turismo: dalla classifica dei porti italiani in base al numero di croceristi alle previsioni per il 2018 con i programmi dei porti già fissati con le grandi compagnie. Poi un focus di Stefano Carbonara sul cyber crimine applicato al mondo dello shopping con lo contromosse necessarie. Da Assologistica arrivano anche le indicazioni per il mondo dei porti e non solo, con tendenze e lacune da colmare. Ad Ancona, Napoli, Trieste, Venezia, Brindisi e Livorno sono dedicati tanti servizi sulle ultime notizie che giungono da questi scali dopo la riforma dei porti..
poseidone danese

© 2017 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab