peyrani
Home » Internazionale, News » Armatori soddisfatti per impegni IMO sull’ambiente

Armatori soddisfatti per impegni IMO sull’ambiente

LONDRA – Soddisfazione nel mondo dello shipping per gli impegni assunti dall’IMO in tema di protezione ambientale. La scorsa settimana, il Comitato marittimo per la protezione ambientale (MEPC), in seno all’IMO, ha adottato una serie di questioni normative inerenti all’ambiente marino che avranno un impatto forte sulla futura struttura del settore marittimo globale.

L’International Chamber of Shipping che rappresenta associazioni degli armatori di tutto il mondo si è dichiarata soddisfatta per i progressi compiuti dall’IMO. Soddisfazione per l’approccio impostato nel piano strategico sulla riduzione della CO2, con l’impegno di seguire l’accordo di Parigi sui cambiamenti climatici, e l’adozione delle linee generali di una strategia iniziale per inizio 2018.

L’ICS rileva che le riduzioni di CO2 dipenderanno dallo sviluppo di carburanti alternativi senza fossili. In particolare, l’industria dello shipping ha proposto che le emissioni totali di CO2 del settore del trasporto marittimo non dovrebbero essere più alti del picco del 2008 (anno di riferimento massimo delle emissioni) e che l’IMO dovrebbe concordare con gli armatori una percentuale accettabile entro il 2050. Altro problema discusso è stato quello sulla convenzione delle acque di zavorra.

L’ICS ha accolto con favore la decisione dell’IMO di trattare la data di attuazione della Convenzione sulla gestione delle acque di zavorra, in modo che le navi esistenti, consegnate prima dell’entrata in vigore della convenzione (8 settembre 2017), non saranno tenute ad installare sistemi di trattamento di dette acque fino alla prima verifica dell’International Oil Pollution Prevention (IOPP),  cioè a dopo l’8 settembre 2019. Una soluzione di buon senso che permetterà alle compagnie di navigazione di avere più tempo per identificare i migliori sistemi di trattamento delle acque e investire in tecnologia, a tutto vantaggio dell’ambiente marino.

 

Abele Carruezzo

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Armatori UE sui danni di inquinamento prodotti da merci pericolose trasportate da navi
  2. Posidonia 2016: la Grecia ancora paese di armatori e di marittimi
  3. Armatori europei: difficile rispettare il termine 2016 per le emissioni delle navi
  4. Costa Concordia: le barriere sommerse come risorsa per ambiente e economia
  5. Trasporto marittimo ed ambiente marino da rispettare

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=48382

Scritto da Abele Carruezzo su lug 13 2017. Archiviato come Internazionale, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 12 N°1

BRINDISI - In questo numero lo speciale è destinato alle crociere con i dati di Rsiposte Turismo e le previsioni per il 2017 di un settore ormai fondamentale per l’economia del Paese. Ma anche le importanti novità sulla safety portuale e sui regolamenti dell’Unione Europea sui servizi portali e la trasparenza finanziaria dei porti. Poi i porti di Napoli. Ancona, Trieste, Piombino e Olbia con gli investimenti e le nuove infrastrutture previste nei diversi scali italiani.
poseidone danese

© 2017 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab