peyrani
Home » Italia, News » Cede banchina crociere e traghetti nel porto di Genova

Cede banchina crociere e traghetti nel porto di Genova

GENOVA – Lunghe crepe e l’asfalto sprofondato. Una parte della banchina di ponte Andrea Doria nel porto di Genova, dove attraccano navi da crociera e traghetti, ha ceduto ieri. Chiusi per motivi di sicurezza lo specchio acqueo e il molo, il terminal passeggeri “perde” due accosti proprio nella stagione dei rientri dalle vacanze. Ma a parte una nave da crociera prevista il cui attracco è stato annullato, il porto conta di non effettuare dirottamenti su altri scali, mentre indaga sulle cause del crollo, anche con ispezioni subacquee.

“I traghetti destinati a Ponte Doria li sposteremo a ponte Colombo o Assereto. Per le navi da crociera è più complesso: abbiamo sette giorni di festa in cui sono previste tre navi al giorno fra il 16 settembre e il 4 novembre. Due le metteremo a ponte dei Mille, per la terza stiamo cercando soluzioni” spiega Edoardo Monzani, Ad di Stazioni marittime spa che gestisce i terminal passeggeri.

Una riunione in Capitaneria ha avanzato le prime ipotesi. Utilizzare almeno un attracco di ponte Doria e in alternativa ponte Colombo, spiega il presidente dell’Autorità di sistema portuale di Genova e Savona Paolo Signorini. Una perizia tecnica la prossima settimana verificherà se sarà possibile “salvare” un pezzo del Doria in attesa dei lavori di ripristino che avranno tempi lunghi.

“Per accelerare stiamo valutando la possibilità di farli fare al concessionario, Stazioni Marittime – dice Signorini -. Inoltre avvieremo indagini interne sul cedimento per capire cosa è successo”. Sul crollo la Procura di Genova non ha ancora aperto un’indagine. “I primi accertamenti spettano agli enti che gestiscono l’area – spiega il procuratore capo Francesco Cozzi – Poi vedremo”.

Sotto la lente gli “sgrottamenti” causati dalle eliche delle navi da crociera sempre più grandi che scalano il porto che con il tempo hanno scavato i “cassoni” delle fondamenta dell’attracco. Anni fa per lo stesso motivo era collassato ponte Assereto, poco distante dal Doria. Due le possibili soluzioni per evitare i danni ai moli: imporre alle navi l’impiego dei rimorchiatori per le manovre e manutenzioni periodiche per risanare i danni dell’erosione.

Leggi anche:

  1. Porto di Genova: nuovo rinvio per i traghetti alle Rinfuse
  2. Porto di Genova: proposta di sponsorizzazione tecnica
  3. Nel porto di Genova nuovi spazi a traghetti per la Tunisia
  4. Porto di Genova: ipotesi check point zona pedonale per rischio terrorismo
  5. Porto di Genova: +4% container e merci, +15% crociere

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=49191

Scritto da Redazione su set 2 2017. Archiviato come Italia, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 12 N°2

BRINDISI - Lo speciale di questo nuovo numero de Il Nautilus è dedicato al porto di Trieste che, tra cambiamenti già effettuati e progetti con finanziamenti in arrivo, sta mutando la sua fisionomia e crescendo come scalo in Adriatico. Accanto a queste novità sullo scalo ci sono anche quelle che riguardano i porti di Livorno, Porto Torres, Savona, Cagliari, Ancona e Bari. In questo numero troverete anche un’intera pagina dedicata alla fiscalità legata al mondo del diportismo con gli aggiornamenti sulle ultime modifiche alle leggi.
poseidone danese

© 2017 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab