peyrani
Home » Italia, News » L’economia del mare alla ricerca di giovani talenti all’I.T.S. “Fondazione G. Caboto”

L’economia del mare alla ricerca di giovani talenti all’I.T.S. “Fondazione G. Caboto”

GAETA – L’I.T.S. per la Mobilità Sostenibile Fondazione Giovanni Caboto di Gaeta – Scuola Superiore di Tecnologia per il Mare ha pubblicato due nuovi bandi per l’ammissione ai Corsi biennali di alta formazione per 22 allievi al Corso di Conduzione del Mezzo Navale (Allievo Ufficiale di Navigazione) e 22 allievi al Corso di Gestione degli Apparati e Impianti di Bordo (Allievo Ufficiale di Macchine).

44 giovani avranno l’opportunità di intraprendere un percorso didattico d’eccellenza: durante i due anni di formazione alterneranno fasi d’aula ad esperienze dirette a bordo. Alle circa 1.500 ore di lezioni si avvicenderanno tre periodi di imbarco per un totale di 12 mesi sempre retribuiti, che consentiranno ai giovani di conseguire il Diploma Tecnico Superiore (V livello EQF) e di accedere all’esame per il titolo di Ufficiale di Coperta o Macchina.

Le domande di ammissione ai Corsi potranno essere presentate entro il 22 Settembre. I candidati che avranno tutti i requisiti di ammissione dovranno superare una prova scritta e un colloquio interdisciplinare e motivazionale che mireranno ad accertare livello culturale, competenze, abilità scientifiche e tecnologiche del settore, abilita linguistiche ed informatiche.
Per la preparazione alle prove di selezione sarà possibile prendere visione delle Linee guida di preparazione all’esame oltre all’opportunità di esercitarsi sui test delle selezioni precedenti, scaricabili sul sito web www.fondazionecaboto.it.

L’Istituto continua così a crescere ed investire nel percorso formativo dei giovani, confermandosi un Centro all’avanguardia e d’eccellenza per la formazione dei futuri professionisti del mare. L’obiettivo principale resta quello di creare talenti in grado di contribuire allo sviluppo di un settore, quello marittimo, fondamentale per l’economia del nostro Paese.

Da quest’anno, inoltre, gli allievi potranno formarsi anche a bordo del veliero “Signora del Vento” Nave Scuola dell’IISS G. Caboto, Scuola di riferimento dell’ITS. Questa opportunità garantisce ancor di più che il carattere pratico e applicativo del percorso di studi, volto ad offrire ai ragazzi una prospettiva occupazionale reale e tangibile sin dalla fase formativa, costruendo in loro la convinzione che l’aggiornamento e l’integrazione delle competenze attraverserà tutta la loro vita lavorativa.

A circa sei anni dall’avvio del primo Corso dell’ITS Fondazione G. Caboto, il bilancio è molto positivo: sempre più numerosi sono infatti i diplomati attualmente in forza alle Compagnie di Navigazione partner dell’Istituto.

Questo sta contribuendo a dar vita ad un processo virtuoso di scambio di conoscenze, in quanto gli allievi trovano a bordo come possibili formatori i precedenti diplomati dell’ITS Fondazione G. Caboto, oggi Ufficiali di Coperta o di Macchina, pronti a trasferire le proprie conoscenze e competenze, secondo i principi e le modalità della formazione in alternanza.
Per tutte le informazioni, scaricare i bandi completi ed effettuare l’iscrizione si può visitare il sito web www.fondazionecaboto.it, telefonare allo 0771712517 o inviare una email a selezioni@fondazionecaboto.it.

Leggi anche:

  1. I.T.S. “Fondazione G. Caboto”: 50 giovani allievi già prenotati dagli armatori italiani
  2. Comitato Leonardo e Perini Navi di nuovo insieme per sostenere i giovani talenti
  3. Reggio Calabria: battezzo del mare per 75 giovani velisti con LNI
  4. Porto di Genova: protocollo per valorizzare economia del mare
  5. I giovani scelgono sempre il mare

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=49239

Scritto da Redazione su set 8 2017. Archiviato come Italia, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 12 N°2

BRINDISI - Lo speciale di questo nuovo numero de Il Nautilus è dedicato al porto di Trieste che, tra cambiamenti già effettuati e progetti con finanziamenti in arrivo, sta mutando la sua fisionomia e crescendo come scalo in Adriatico. Accanto a queste novità sullo scalo ci sono anche quelle che riguardano i porti di Livorno, Porto Torres, Savona, Cagliari, Ancona e Bari. In questo numero troverete anche un’intera pagina dedicata alla fiscalità legata al mondo del diportismo con gli aggiornamenti sulle ultime modifiche alle leggi.
poseidone danese

© 2017 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab