Home » Italia, News » Convegno sulla sicurezza in ambito portuale al Magazzino 26 del Porto Vecchio di Trieste

Convegno sulla sicurezza in ambito portuale al Magazzino 26 del Porto Vecchio di Trieste

TRIESTE – Piani mirati di prevenzione e buone prassi – strumenti per il miglioramento della sicurezza nel lavoro portuale. Questo il titolo del convegno nazionale che si sta svolgendo oggi presso il Magazzino 26 del Porto Vecchio di Trieste, e che vede tra gli Enti promotori l’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Orientale, INAIL Regione FVG e Trieste, INAIL DiMEILA Roma e ASUITS.

I lavoratori portuali e marittimi sono esposti a livelli di rischio rilevanti, determinati dalla natura e dagli ambienti di lavoro. Lo sviluppo e la diffusione della cultura della salute e sicurezza tra i lavoratori, vedono nella sinergia e integrazione dei soggetti istituzionali presenti sul territorio, uno dei momenti più importanti dell’attività di prevenzione. Scopo del convegno che ha visto il tutto esaurito nelle registrazioni già nel mese di agosto, è infatti quello di sviluppare in una logica di rete, conoscenze, strumenti di supporto alla valutazione e gestione dei rischi, buone prassi e soluzioni tecnologiche innovative in cui la salute e la sicurezza sul lavoro sono integrate nella gestione dei processi lavorativi.

L’attivazione di piani mirati di prevenzione è lo strumento di elezione per migliorare gli aspetti di salute e sicurezza e ridurre gli infortuni nelle aziende che operano in ambito portuale.
Per il presidente dell’Autorità di Sistema Portuale, Zeno D’Agostino,  intervenuto durante l’apertura dei lavori anche in rappresentanza di Assoporti, “tanti e importanti sono i passi avanti fatti dal porto di Trieste sul tema della sicurezza”.

“Non dimentichiamo – ha continuato il numero uno dell’Authority giuliana – che la sicurezza parte da una buona organizzazione del lavoro. L’ALPT – Agenzia del lavoro portuale,  istituita un anno fa è per noi motivo di orgoglio e punto di forza, quanto i dati di traffico. Non c’è crescita senza attenzione per le risorse umane”.“Con questa iniziativa –  gli ha fatto eco Mario Sommariva, Segretario generale dell’Autorità di Sistema Portuale – vogliamo supportare innanzitutto dal punto di vista operativo le aziende nella gestione della salute e sicurezza dei lavoratori, migliorando l’approccio al processo di valutazione e gestione dei rischi finalizzati a ridurre il numero degli incidenti e degli infortuni sul lavoro”.

Altro obiettivo  è di ottimizzare l’organizzazione aziendale finalizzata alla prevenzione dei rischi, favorendo i rapporti con i rappresentanti dei lavoratori in tema di sicurezza, coinvolgendo un numero sempre più ampio d’imprese per avviare un confronto fra le diverse esperienze e individuare esempi di buone pratiche da condividere a livello nazionale.

Nella prima parte della giornata, i relatori hanno affrontato temi relativi ai piani mirati di prevenzione in ambito portuale e percezione del rischio da parte dei lavoratori, illustrando l’applicazione del modelli organizzativi di gestione nelle imprese portuali, modelli per l’audit e strumenti di supporto per gli organi di vigilanza.  E’ seguita una descrizione delle Ordinanze emesse dall’Autorità di Sistema Portuale e delle attività svolte dal Comitato di igiene e sicurezza quali strumenti di prevenzione in ambito portuale.

A carico dell’INAIL l’esposizione dei dati infortunistici e delle malattie professionali nei lavoratori nello scalo giuliano. Di seguito gli interventi del Comando Generale delle Capitanerie di Porto e dell’Ente Bilaterale Nazionale Porti. Nella seconda parte della giornata, ampio spazio per argomenti di carattere tecnico e buone prassi riferite alle esperienze territoriali nazionali.

Leggi anche:

  1. DA OGGI E’ OPERATIVA L’AGENZIA PER IL LAVORO PORTUALE DEL PORTO DI TRIESTE (ALPT)
  2. Porto di Bari: oggi seminario sulla sicurezza portuale
  3. Porto di Bari: la prossima settimana aggiornamento professionale sulla sicurezza
  4. Porto di Trieste: progetto su salute e sicurezza nel lavoro portuale
  5. Porto di Trieste: progetto INAIL sulla sicurezza sul lavoro al Molo IV

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=49572

Scritto da Redazione su set 19 2017. Archiviato come Italia, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 14 N°3

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato allo shipping con un focus sul soccorso in mare e sulla Brexit, il ruolo del porto di Salerno e la "Barletta marinara". Poi un approfondimento sui fari di Brindisi ed uno sul trasporto ad emissioni zero con Emma. E ancora, approfondimenti sulle crociere e sulla sicurezza nei nostri porti.
poseidone danese

© 2019 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab