Home » Italia, News » IL LABORATORIO AMBIENTALE MOBILE DELLA GUARDIA COSTIERA A TORRE GUACETO

IL LABORATORIO AMBIENTALE MOBILE DELLA GUARDIA COSTIERA A TORRE GUACETO

BRINDISI – Si è conclusa nella mattinata odierna l’attività di vigilanza ambientale nell’Area Marina Protetta “Torre Guaceto” a cura del personale del Laboratorio Ambientale Mobile (L.A.M.) del Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto – Guardia Costiera.

Tale attività si inserisce nel contesto di una più generale pianificazione di intervento nazionale nelle Aree Marine Protette istituite, in ottemperanza a quanto disposto dalla specifica convenzione stipulata tra il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ed il Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto – Guardia Costiera. L’attività di campionamento ed analisi svolta dal personale del L.A.M. consente l’accertamento di violazioni che possono causare danni o creare situazioni di pericolo per l’ambiente marino e costiero ed attiene ai compiti istituzionali del Corpo delle Capitanerie di Porto.

I L.A.M. sono coordinati dal 3° Reparto del Comando Generale e vengono impiegati sull’intero territorio nazionale non solo in seguito ad accordi convenzionali, ma anche su richiesta dei comandi periferici della Guardia Costiera o di iniziativa. La possibilità di raggiungere in maniera rapida le zone interessate da criticità e di fornire le risultanze analitiche in tempi molto brevi, rende i L.A.M. strumenti adeguati a fornire risposte immediate sullo stato delle acque analizzate, permettendo di individuare la presenza di eventuali inquinamenti causati da sostanze chimiche, organiche e di origine fecale.L’attività di vigilanza nell’Area Marina Protetta di Torre Guaceto è stata condotta da due biologi del L.A.M., unitamente al personale della Capitaneria di Porto di Brindisi, sia in mare a bordo delle unità navali della Guardia Costiera, in zona B e C dell’area marina protetta, sia via terra lungo i tratti di costa praticabili, ponendo particolare attenzione al canale Reale.

L’impegno della Capitaneria di Porto di Brindisi sarà quello di continuare la propria attività di vigilanza e di contrasto ai crimini ambientali ed all’inquinamento, anche al fine di preservare il delicato e prezioso ecosistema marino dell’Area Marina Protetta “Torre Guaceto”.

Leggi anche:

  1. GUARDIA COSTIERA DI BRINDISI: APERTURA STRAORDINARIA DEGLI UFFICI
  2. Capitaneria di porto di Brindisi: al lavoro il Laboratorio ambientale mobile
  3. VARATO PATTUGLIATORE “LUIGI DATTILO” DELLA GUARDIA COSTIERA ITALIANA
  4. LA GUARDIA COSTIERA VIGILA LA RISERVA MARINA DI TORRE GUACETO
  5. Porto di Brindisi: controlli a tappeto della Guardia costiera

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=49670

Scritto da Redazione su set 22 2017. Archiviato come Italia, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone danese

© 2020 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab