peyrani
Home » Europa, News » Italia nel mirino dell’Ue su formazione marittimi

Italia nel mirino dell’Ue su formazione marittimi

BRUXELLES – L’Italia è finita nel mirino della Commissione Ue per ritardi e inadempienze sul fronte dei lavoratori marittimi, a cui ha ora due mesi di tempo per rispondere. Due le procedure d’infrazione aperte, una avviata oggi, con l’invio di una lettera di messa in mora, che è relativa alle regole sul livello minimo di formazione per i marinai.

E una seconda, già aperta e che ha visto il suo aggravamento con l’invio di un parere motivato, sulle norme Ue in materia della Convenzione dell’Ilo per i lavoratori del settore marittimo. Per quanto riguarda la prima, la Commissione chiede all’Italia di prendere azioni correttive sui programmi di formazione e di istruzione dei marinai nonché della loro definizione, revisione e approvazione, sul riconoscimento dei certificati, sulla certificazione delle competenze degli ingegneri a livello manageriale e sui requisiti per la certificazione.

Quanto alla seconda infrazione, Bruxelles invita l’Italia a notificare tutte le misure nazionali che traspongono la direttiva Ue del 2009, entrata in vigore nel 2013, relativa alla Convenzione dell’Ilo sul lavoro marittimo del 2006. Queste riguardano le norme sulle condizioni lavorative dei marittimi, in particolare le condizioni di impiego, l’età minima, la durata del lavoro, salute e sicurezza, i diritti sociali.

L’Italia ha già notificato una serie di misure di trasposizione nazionale e fornito una serie di chiarimenti a Bruxelles, ma mancano ancora informazioni su alcuni obblighi previsti dalla direttiva. Se queste non arriveranno entro due mesi, c’è il rischio di deferimento davanti alla Corte di giustizia Ue.

Leggi anche:

  1. UE: strategia globale per i trasporti marittimi
  2. ITALIA LEADER NEGLI SCAMBI MARITTIMI NEL MEDITERRANEO
  3. ”Carta dei Diritti” dei marittimi da modificare
  4. Trasporti marittimi per Ue +2% nel 2011 per merci, in Italia +1%
  5. Formazione dei marittimi: la UE si adegua alle norme internazionali

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=51242

Scritto da Redazione su dic 10 2017. Archiviato come Europa, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 12 N°3

BRINDISI - In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato alle crociere, a livello nazionale ed internazionale, con i nuovi dati di Risposte Turismo: dalla classifica dei porti italiani in base al numero di croceristi alle previsioni per il 2018 con i programmi dei porti già fissati con le grandi compagnie. Poi un focus di Stefano Carbonara sul cyber crimine applicato al mondo dello shopping con lo contromosse necessarie. Da Assologistica arrivano anche le indicazioni per il mondo dei porti e non solo, con tendenze e lacune da colmare. Ad Ancona, Napoli, Trieste, Venezia, Brindisi e Livorno sono dedicati tanti servizi sulle ultime notizie che giungono da questi scali dopo la riforma dei porti..
poseidone danese

© 2018 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab