Home » Italia, News » Locazione posto barca: profili contrattuali

Locazione posto barca: profili contrattuali

BRINDISI – L’atto di Concessione tra Demanio Marittimo e Concessionario può avere per oggetto anziché un diritto reale di superficie un contratto molto simile al contratto di locazione.
In casi di questo tipo la proprietà delle opere portuali resta in capo al Demanio marittimo quindi non si può parlare di proprietà superficiaria, con il limite che il concessionario non potrà trasferire la proprietà superficiaria a terzi.
Mentre per quanto riguarda i posti barca la stipulazione del contratto di ormeggio resta naturalmente l’ipotesi più naturale per disciplinare il rapporto tra le parti, per l’utilizzo dei servizi (custodia dell’imbarcazione) e per l’approvvigionamento di energia elettrica, acqua, etc., si ricorre normalmente al contratto di locazione.Quindi si possono avere due contratti separati uno per l’ormeggio ed uno per i servizi complementari.
Qui va evidenziata la diversa disciplina che il codice civile e le leggi a corredo riservano agli immobili ad uso abitativo (ad esempio appartamenti) e ad uso non abitativo (ad esempio alberghi, negozi, capannoni, etc.) che risultano ricompresi nell’area dell’approdo turistico.
Dal punto di vista fiscale necessita assoggettare all’imposta di registro il rapporto di concessione che intercorre tra il Demanio Marittimo e il gestore del porto per l’utilizzo dei diritti obbligatori.
Se il rapporto tra il concessionario dell’approdo turistico e un privato proprietario di una imbarcazione da diporto viene disciplinato mediante contratto di locazione si applica l’IVA con aliquota ordinaria.Di contro nel caso di privato che affitta il proprio posto barca torna applicabile l’imposta di registro.

Nell’esercizio di impresa, con forma giuridica di società di capitali, il provento derivante dal corrispettivo della locazione è assoggettato all’Ires, quale componente positivo di reddito.

Infine, secondo la prassi, ai fini delle imposte dirette si applicheranno le normali regole di tassazione IRPEF dei redditi da fabbricati tenendo conto della rendita catastale eventualmente assegnata al posto barca o ad esso riconducibile, tale ipotesi ricorre quando la locazione viene concessa da parte di un privato titolare del diritto di superficie. Il canone percepito costituirà invece un reddito diverso quando si realizza una locazione da parte di un privato titolare di un diritto di utilizzo di tipo obbligatorio.

 

Cosimo Salvatore CORSA

Leggi anche:

  1. Godimento posto barca da parte di un socio
  2. Aspetti contrattuali e fiscali del Contratto di ormeggio
  3. Beni demaniali: cessione della proprietà superficiaria
  4. Unità da Diporto: Contratto di locazione
  5. Unità da diporto: prestazioni di locazione e noleggio

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=51556

Scritto da Cosimo Salvatore Corsa su gen 2 2018. Archiviato come Italia, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 13 N°3

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato a Canale Pigonati di Brindisi; la storia, le potenzialità, le attuali richieste per il suo allargamento al fine di agevolare l’entrata nel porto interno delle grandi navi da crociera. Poi articoli sulle Zes, porti di Ancona, Bari, Campania ma anche le professioni del mare, il lavoro portuale nelle sue specificità ed un interessante racconto del porto di Salerno che nel Mediterraneo rappresenta un ponte tra Oriente ed Occidente.
poseidone danese

© 2018 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab