Home » Internazionale, News » IMO: le nuove del 2018

IMO: le nuove del 2018

LONDRA – Da questo primo gennaio sono entrati in vigore gli emendamenti alla Convenzione internazionale sui traffici marittimi, la FAL – Convention on Facilitation of International Maritime Traffic – firmata e sottoscritta da 118 Stati. Tali emendamenti riguardano il diritto dei marittimi allo sbarco e l’obbligo dei Governi ad attivare sistemi elettronici/informatici per lo scambio d’informazioni sul traffico marittimo EDI (Electronic Data Information), dando tempo fino all’8 aprile 2019 per la loro implementazione. Nella fase di transizione, gennaio 2018- aprile 2019, gli operatori tutti dello shipping potrà usare per le varie operazioni sia documenti in formato cartaceo, sia quelli in formato elettronico.

Per il diritto allo sbarco dei marittimi, finalmente si chiariscono le varie discriminazioni che erano messe in atto quando una nave attraccava in porto. Ora, l’emendamento, in vigore da questo gennaio 2018, consente all’equipaggio di sbarcare quando la propria nave si trova in porto, senza discriminazioni basate sulla nazionalità, sulla razza, sul colore, sul sesso, sulla religione, sull’opinione politica o sull’origine sociale dei marittimi, e tutto a prescindere dallo Stato di bandiera della nave. Se, per esempio, la domanda di sbarco fosse respinta, le Autorità competenti dovranno fornire spiegazioni verbali e/o scritte al marittimo e al comandante della nave.

I Governi firmatari della FAL-IMO sono invitati a implementare le proprie legislazioni rafforzando le basi giuridiche sulla security marittima/portuale e sulle azioni di contrasto dei clandestini, evitando così la prassi di questi ultimi di accedere in aree portuali e nei container. Il secondo gruppo degli emendamenti FAL riguarda i formulari inerenti alla dichiarazione generale, la dichiarazione/manifesto di carico, la dichiarazione provviste di bordo, effetti dell’equipaggio, la lista dell’equipaggio, la lista passeggeri e il manifesto delle merci pericolose.

Oltre a tre nuovi documenti che la nave dovrà fornire alle Autorità di terra: informazioni sulla security (Convenzione SOLAS), informazioni elettroniche preventive sul carico per la valutazione dei rischi doganali ed in ultimo il modulo di notifica preventiva del conferimento dei rifiuti agli impianti portuali dedicati.

 

Abele Carruezzo

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. SEAFUTURE 2018 – SEE FUTURE
  2. NUOVE LINEE GUIDA DELL’IMO PER LA SICUREZZA DURANTE LE ESERCITAZIONI DI ABBANDONO NAVE
  3. IMO nuove disposizioni 2017
  4. IMO adotta scambio elettronico di dati obbligatori per le spedizioni internazionali
  5. Lloyd’s Register luglio 2014: nuove performance Voyage Data Recorder

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=51698

Scritto da Abele Carruezzo su gen 16 2018. Archiviato come Internazionale, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 13 N°1

In questo nuovo numero de Il Nautilus vi proponiamo uno speciale sul porto di Trieste con gli ultimi dati e provvedimenti che riguardano le recenti attività dell’Autorità di sistema. Si parla anche dei porti di Civitavecchia, Ancona, Venezia, Napoli, La Spezia, Genova, Cagliari e Porto Torres. Ma si parla anche dei risultati della manifestazione NauticSud che si è svolta a Napoli e di come vengono smaltiti i rifiuti prodotti dalle navi secondo le ultime direttive internazionali.
poseidone danese

© 2018 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab