Home » Internazionale, News » CMA CGM Group e l’ANTOINE DE SAINT EXUPERY

CMA CGM Group e l’ANTOINE DE SAINT EXUPERY

BRINDISI – Batte bandiera francese la più grande nave porta container che solcherà i mari del mondo dal prossimo 6 febbraio:  la portacontainer  “ANTOINE DE SAINT EXUPERY”della classe ULCV (Ultra Large Container Vessel). Oltre al design e particolarità costruttive dello scafo presenta tutte le innovazioni tecnologiche per la salvaguardia dell’ambiente marino e dell’atmosfera. Consegnata alla CMA CGM la scorsa settimana dai cantieri navali delle Filippine, HHIC-Phil (Hanjin Heavy Industries and Construction – Philippines), l’Antoine de Saint Exupery è la prima delle tre ordinate,  da 20.600 Teu (Twenty Foot Equivalent Unit), e prenderà servizio sulla rotta del liner Asia/Europa . E’ una nave, del valore di  129,11 milioni di dollari americani, che presenta dimensioni eccezionali:  400 metri di lunghezza e 53 metri di larghezza (al baglio centrale) e con una capacità di 20.600 teu.

Facendo un po’ di conti,  la nave occupa quattro campi di calcio ed è grossa più della Empire State Building e della Torre Eiffel  e sviluppa 123 kilometri di container quando è a pieno carico.  Sul versante dei servizi ausiliari di bordo, l’innovazione tecnologica la fa da padrone: un Becker Twisted Fin che garantisce migliori prestazioni del propulsore con una riduzione significativa del 4% dell’energia impiegata e riduzione delle emissioni di CO2; un nuova generazione di motore marino che riduce i consumi di olio del 25%, del combustibile del 3% e con una forte riduzione di emissioni di CO2; un sistema di trattamento delle ballast water con filtri a raggi UV capace di avere acque più pulite, senza organismi per evitare impatti sulla biodiversità marina.

La nave francese si aggiungerà ad altri giganti del mare da 19.000-21.000 teu: OOCL Indonesia, MOL Treasure, Manchester Maersk, Marseille Maersk, tutte sui 400 metri di lunghezza e 50/58 metri di larghezza, profondità sui 30/32 m e con un pescaggio di 16 metri e oltre. Queste navi sono quelle che imporranno nuove infrastrutture, nuovi cicli di lavoro per imbarco/sbarco dei container, e fondali adeguati nella maggior parte dei porti europei.

Per  il Gruppo  francese  CMA CGM,  la scelta del nome  ha significato riconoscenza allo scrittore aviatore e poeta francese,  Antoine de Saint Exupery, noto per il suo “Il piccolo Principe”, che ha promosso i valori  di umanità e responsabilità in tutto il mondo. Allo stesso modo, la Compagnia di navigazione francese scala tutti i porti del mondo, condividendo gli stessi valori e le proprie navi sono simbolo forte della Francia. “Si tu veux construire un bateau, non devi per prima cosa affaticarti a chiamare la gente a raccogliere la legna e a preparare gli attrezzi; non distribuire i compiti, non organizzare il lavoro. Ma invece prima risveglia negli uomini la nostalgia del mare lontano e sconfinato. Appena si sarà risvegliata in loro questa sete si metteranno subito al lavoro per costruire la nave”.

Leggi anche:

  1. MAPFRE vince lo sprint a Saint Malo
  2. DA SAINT TROPEZ A MALTA, TORNA IL XVI TROFEO BAILLI DE SUFFREN PER LE VELE D’EPOCA
  3. Grimaldi Group: 28 milioni di euro dalla Bei
  4. Grimaldi Group ordina 5 grandi navi e investe 400 milioni di dollari
  5. Transat B to B: l’IMOCA 60 HUGO BOSS ha lasciato Saint-Barthélemy

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=52054

Scritto da Redazione su feb 2 2018. Archiviato come Internazionale, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 12 N°3

BRINDISI - In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato alle crociere, a livello nazionale ed internazionale, con i nuovi dati di Risposte Turismo: dalla classifica dei porti italiani in base al numero di croceristi alle previsioni per il 2018 con i programmi dei porti già fissati con le grandi compagnie. Poi un focus di Stefano Carbonara sul cyber crimine applicato al mondo dello shopping con lo contromosse necessarie. Da Assologistica arrivano anche le indicazioni per il mondo dei porti e non solo, con tendenze e lacune da colmare. Ad Ancona, Napoli, Trieste, Venezia, Brindisi e Livorno sono dedicati tanti servizi sulle ultime notizie che giungono da questi scali dopo la riforma dei porti..
poseidone danese

© 2018 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab