Home » Italia, News » Brindisi punta sull’accoglienza turistica e cittadina

Brindisi punta sull’accoglienza turistica e cittadina

BRINDISI-Si è svolta ieri, presso la sala Marino Guadalupi del Comune di Brindisi, una conferenza stampa per sottoscrivere l’affidamento e gestione di parte dei beni monumentali della città e il coordinamento per l’accoglienza turistica e crocieristica all’associazione “Le Colonne”.

“Riconosciamo questa associazione, impersonificata nella dottoressa Anna Cinti, una eccellenza sul campo”, spiega il commissario straordinario del comune di Brindisi, Santi Giuffrè, “Ci è sembrato riduttivo limitare il nostro incontro alla gestione del museo, abbiamo pertanto ritenuto allargare le competenze dell’associazione e di affidare integralmente la gestione dei beni monumentali della città e l’accoglienza turistica”. “La convenzione con l’Autorità Portuale consentirà l’intercettazione del turismo crocieristico e la sua successiva canalizzazione attraverso la scoperta della città e dei suoi beni monumentali”.

“Noi stiamo pensando a qualcosa che va oltre all’accoglienza crocieristica, noi pensiamo a valorizzare e far conoscere Brindisi ai brindisini e poi ai turisti, quello che è il vero patrimonio della città”. “Un’operazione di svolta totale, integrale, che vede su questo tavolo tutti quelli che vogliono realmente fare sistema e valorizzare il territorio; noi vogliamo che chiunque voglia visitare Brindisi possa impattare con persone che siano all’altezza di valorizzare i beni della città”.

Per la Soprintendenza ARCHEOLOGIA, BELLE ARTI E PAESAGGIO PER LE PROVINCE DI BRINDISI, LECCE E TARANTO, interviene la Dr.ssa Maria Piccarreta:”ci impegneremo a formulare una bozza, benchè non vi siano ancora dei decreti attuativi, che ci permetta ugualmente di siglare degli accordi con associazioni, con realtà del territorio e permettere loro di operare all’interno di siti della soprintendenza. E’ importante creare una rete di queste realtà e soprattutto una programmazione di una gestione che parta dalla città”.

L’Avv. Rosario Almiento, presidente della Società Trasporto Pubblico di Brindisi:”Il futuro di Brindisi passa attraverso questo progetto, che vede la luce dopo essere stato incubato fin dal duemilatredici. L’iniziativa di “Ti porto al Museo”, che noi abbiamo patrocinato e ripetuto con le varie amministrazioni che si sono susseguite nel recente passato, è stato un progetto che ha guardato proprio al futuro e sulla base del quale, evidentemente, la associazione “Le Colonne” oggi Ë in grado di guardare proprio alla composizione organica di quello che può essere il futuro della città, in tema culturale e di valorizzazione del proprio patrimonio architettonico, artistico e soprattutto turistico”. “Abbiamo bisogno di valorizzare le professionalità che sono all’interno del nostro territorio”.

Teo Titi, per Confindustria Brindisi sezione Turismo, interviene:”Il Commissario è riuscito a sviluppare, in pochissimo tempo, un’attività di coordinamento e a creare una rete, questo è l’unico modo affinchè diventino, i beni monumentali, attrattori turistici”. “E’ necessaria una attività di coordinamento ed una sua gestione, e bene ha fatto il Commissario ad individuare una figura come la dottoressa Cinti che ha già dimostrato le capacità e le professionalità”.

Nel corso della conferenza si è evidenziata la necessità di coinvolgere le scuole ed i suoi studenti.La Dr.ssa Rita De Vito, Dirigente I.P.S.I.A. Galileo Ferraris :”Il coinvolgimento della scuola passa attraverso dei percorsi formativi e questo progetto è un valore aggiunto per questi percorsi; il nostro obiettivo è quello di far crescere, nei nostri studenti, il senso di appartenenza alla città ed il riconoscimento del valore di quello che abbiamo e renderli protagonisti di una rinascita della nostra terra, mettendo i ragazzi nella condizione di viaggiare, pur restando a casa”.

La Dr.ssa Maria Oliva, Dirigente del Liceo Ettore Palumbo :”Sono soprattutto gli studenti che si sentono protagonisti, si sentono coinvolti e anche responsabili. Avranno occasione di mettere in mostra le loro competenze e di rendere un servizio alla città. “Come Liceo Palumbo, gli studenti del liceo lingustico con competenze delle quattro lingue comunitarie(inglese, francese, spagnolo e tedesco), potranno offrire un supporto per gli InfoPoint, per l’accompagnamento dei turisti nei siti di interesse e nell’esposizione di contenuti nelle quattro lingue. “Questo valorizzerà molto il percorso formativo degli studenti, ma soprattutto darà loro una speranza, parola per lungo tempo mancata nella scuola e che deve ritornare protagonista”.

La Dr.ssa Anna Cinti, presidente dell’associazione “Le Colonne” :”Oggi l’associazione “Le Colonne” si fa carico di una responsabilità abbastanza grande, in quanto andremo a gestire un patrimonio della città, il patrimonio di tutti. Continueremo a portare avanti quel modello che abbiamo utilizzato con la gestione della Collezione Archeologica Faldetta, con un ‘attenta analisi del territorio, realizzando una piattaforma virtuale, un sito web, dove presenteremo il progetto PAST, Patrimonio Archeologico Storico Turistico, dove il nome che vuol dire “passato”, il nostro passato che incontra l’innovazione”.  “Questo progetto va oltre alla semplice accoglienza turistica ma parleremo proprio di accoglienza al cittadino”. Tutte le attività del PAST saranno supervisionate dal coordinatore responsabile del procedimento del Comune di Brindisi, la Dr.ssa Antonella Grassi.

Praticamente canalizzare tutti quei turisti che non partecipano a gite turistiche organizzate, che altrimenti girerebbero liberi nella città non riuscendo a godere delle bellezze della nostra città.

 

 

Salvatore Carruezzo

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. I porti di Bari e Brindisi uniti da un’unica offerta turistica
  2. In bici o in shuttle sulla Diga di Punta Riso per assistere alla partenza della regata Brindisi-Corfù l’11 giugno 2014
  3. Porto di Brindisi: il primo test dell’idrovolante a Punta Riso
  4. Brindisi Città Europea dello Sport 2014: Consales punta sulla vela
  5. Porto di Brindisi: la Diga di Punta Riso può essere riqualificata

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=52721

Scritto da Salvatore Carruezzo su mar 9 2018. Archiviato come Italia, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 13 N°1

In questo nuovo numero de Il Nautilus vi proponiamo uno speciale sul porto di Trieste con gli ultimi dati e provvedimenti che riguardano le recenti attività dell’Autorità di sistema. Si parla anche dei porti di Civitavecchia, Ancona, Venezia, Napoli, La Spezia, Genova, Cagliari e Porto Torres. Ma si parla anche dei risultati della manifestazione NauticSud che si è svolta a Napoli e di come vengono smaltiti i rifiuti prodotti dalle navi secondo le ultime direttive internazionali.
poseidone danese

© 2018 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab