Home » Italia, News » A VENEZIA NASCONO GLI SPECIALISTI DI SICUREZZA INTERNAZIONALE

A VENEZIA NASCONO GLI SPECIALISTI DI SICUREZZA INTERNAZIONALE

VENEZIA – L’Università Ca’ Foscari Venezia e l’Istituto di Studi Militari Marittimi formano gli specialisti della sicurezza internazionale; il Master in Studi Strategici e sicurezza internazionale, si rinnova grazie all’accordo siglato oggi – giovedì 15 marzo 2018 – dal Rettore di Ca’ Foscari Michele Bugliesi e dal Contrammiraglio Andrea Romani, Comandante dell’Istituto di Studi Militari Marittimi, e punta a formare esperti di security in ambito internazionale in grado di ideare e condurre attività e operazioni complesse in contesti misti o all’interno dell’Amministrazione Difesa.

Il Master, che sarà diretto in stretta cooperazione con le Autorità militari, dal Prof. Fabrizio Marrella, Ordinario di diritto internazionale e dell’Unione europea, è rivolto sia agli ufficiali in servizio designati dalla Marina Militare sia a studenti interessati alla sicurezza e agli studi strategici, membri delle forze dell’ordine, professionisti operanti nell’industria della difesa, diplomatici, funzionari di organizzazioni internazionali, operatori umanitari con l’obiettivo di fornire loro una conoscenza degli aspetti militari, giuridici ed economici, legati alle attività del comparto Sicurezza e Difesa.
Si rafforza dunque la collaborazione tra Ca’ Foscari, che ha fra i suoi punti di forza la ricerca sugli studi internazionali e la globalizzazione, e l’Istituto di Studi Militari Marittimi sulla scia della conferenza – il 19 febbraio u.s. – del Capo di Stato maggiore della Marina Valter Girardelli su “Il mare come risorsa strategica per l’Italia”. In tale occasione si sono individuati gli scenari futuri e la necessaria visione geostrategica d’insieme in cui collocare gli interessi del nostro Paese. Il Master veneziano, unico in Italia, sviluppa dunque una strategia marittima mirata a cogliere le opportunità offerte dai nuovi scenari e contribuire alla sicurezza, alla stabilizzazione ed allo sviluppo economico, pacifico e sostenibile.

Nella stessa ottica, si collocano anche la prospettiva dell’Unione europea la quale, sempre più negli anni a venire, dovrà sviluppare la propria Politica di sicurezza e di difesa comune e le relative capacità militari attraverso il Comitato Militare della Ue. Detto Comitato sarà presieduto, tra pochi mesi, da un italiano il Gen. Claudio Graziano, anch’egli prossimamente relatore al Master.Il Master è gestito da Ca’ Foscari Challenge School e si svolge in lingua italiana e inglese.

Leggi anche:

  1. Al Terminal Rinfuse Venezia una giornata formativa sul tema “La sicurezza è MIA”
  2. Porto di Genova: Vte inaugura misure di sicurezza per area internazionale
  3. MARINA MILITARE: NAVE BERSAGLIERE PER IL CONTROLLO E LA SICUREZZA NEL MEDITERRANEO
  4. La sicurezza del lavoro portuale e marittimo: se ne discute a Venezia il 27 marzo
  5. Confitarma: D’Amico chiede più sicurezza in mare contro i pirati

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=52858

Scritto da Redazione su mar 16 2018. Archiviato come Italia, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone danese

© 2020 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab