Home » Italia, News » GIORNATA DEL MARE, OGNUNO PUÒ FARE AZIONI CONCRETE PER PROTEGGERLO

GIORNATA DEL MARE, OGNUNO PUÒ FARE AZIONI CONCRETE PER PROTEGGERLO

PORTO CERVO – Oggi è stata indetta per la prima volta la Giornata Nazionale del Mare, un’iniziativa inserita nel nuovo Codice della Nautica che andrà a ripetersi ogni anno, l’11 aprile, per far conoscere il mare attraverso lo sport, il rispetto dell’ambiente, la biologia marina e l’impegno dell’industria nautica per uno sviluppo sostenibile dell’economia del mare. La Fondazione One Ocean sarà presente al Porto Turistico di Roma, ospite di UCINA – Confindustria Nautica e Federazione Italiana Vela, partner dell’iniziativa che vedrà coinvolti gli Istituti scolastici della capitale.

La Fondazione One Ocean, nata sulla spinta del Forum One Ocean organizzato dallo YCCS nell’ottobre 2017 per festeggiare il suo 50° anniversario, intende promuovere iniziative per la salvaguardia dell’ambiente marino e costiero basate su semplici azioni quotidiane, alla portata di tutti coloro che al mare si rivolgono per svolgere attività professionali o ricreative.

La Terra è costituita al 70% da acqua e tutte le attività umane, anche quelle terrestri, hanno un pesante impatto sulla salute degli oceani mettendo così a rischio l’intero nostro pianeta. Ogni singolo individuo può contribuire a salvarlo con piccole azione virtuose, la famosa singola goccia che, unita alle altre, forma il mare.

A questo scopo è stata redatta la Charta Smeralda, una Costituzione per la tutela del mare. Firmandola e impegnandosi a praticarne i principi ogni persona, ogni organizzazione o azienda contribuiranno alla salvezza degli oceani e della Terra stessa.
Per firmare la Charta Smeralda è sufficiente inserire le proprie generalità e indirizzo email al seguente link: https://www.1ocean.org/charta-smeralda/

Per coloro che lo desiderano, una volta ricevuto l’attestato digitale, sarà possibile sul sito www.1ocean.org caricare il proprio ritratto sul wall digitale e diventare un Ocean Defender. L’azione più importante è tuttavia la volontà di mettere in pratica nella quotidianità, non solo al mare, i principi etici e pratici in essa contenuti. Per esempio impegnandosi a limitare l’uso di plastica usa e getta, che troppo spesso finisce in mare e da qui, sminuzzata in microplastiche, nella catena alimentare.

Leggi anche:

  1. One Ocean Forum: J/70 Italian Class sigla la Charta Smeralda
  2. Al via la III Giornata Nazionale dell’Economia del Mare
  3. 150MILA SPORTIVI COINVOLTI NELLA PROTEZIONE DELL’AMBIENTE MARINO
  4. THESi: innovazione continua per un mare di cose da fare
  5. Giornata della sicurezza in mare alla Lega navale di Brindisi

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=53406

Scritto da Redazione su apr 11 2018. Archiviato come Italia, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 13 N°1

In questo nuovo numero de Il Nautilus vi proponiamo uno speciale sul porto di Trieste con gli ultimi dati e provvedimenti che riguardano le recenti attività dell’Autorità di sistema. Si parla anche dei porti di Civitavecchia, Ancona, Venezia, Napoli, La Spezia, Genova, Cagliari e Porto Torres. Ma si parla anche dei risultati della manifestazione NauticSud che si è svolta a Napoli e di come vengono smaltiti i rifiuti prodotti dalle navi secondo le ultime direttive internazionali.
poseidone danese

© 2018 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab