Home » Italia, News » “BIOMI DAL MONDO. LA BIODIVERSITÀ DI UN TESORO DA TUTELARE”

“BIOMI DAL MONDO. LA BIODIVERSITÀ DI UN TESORO DA TUTELARE”

 

Bari – Questa mattina, presso il Termina Crociere del porto è stata inaugurata la mostra/progetto: “Biomi dal mondo. La biodiversità di un tesoro da tutelare”.
Un’iniziativa  voluta dall’Autorità di Sistema portuale del mare Adriatico meridionale e dall’Associazione culturale C.A.E.B. (Club Acquariologico Erpetologico Barese).
L’associazione C.A.E.B. ha come obiettivo sensibilizzare la popolazione, principalmente il mondo studentesco, sui temi della biodiversità e della conoscenza degli organismi acquatici e terrestri.

La mostra sarà visitabile fino al 22 Giugno, e sono esposti 10 acquari e 10 terrari in cui vengono ricostruiti biotopi naturali, terrestri e acquatici (marini e d’acqua dolce) per consentire al visitatore di avere un’esatta percezione dei diversi sistemi biologici della ricchezza e delle varietà delle forme viventi e dei delicati equilibri che si instaurano tra le differenti specie animali e vegetali del globo terracqueo.

Durante l’inaugurazione è intervenuto Ugo Patroni Griffi, presidente dell’Autorità di Sistema portuale del mare Adriatico meridionale: “Per i baresi, il rapporto Porto/Città è stato l’acquario (acquario di Bari presso il Molo Pizzoli ndr), era l’unica parte del porto che era visitabile, per molti un compagno dell’infazia.

C’è una voglia dei cittadini di riaverlo, sono venti anni che manca, dobbiamo inserire questo acquario in un progetto più ampio, cioè un vero e proprio Museo del mare, dedicato alla sua economia, alla sua storia, in cui ci sono anche gli animali, dove si educano le nuove generazioni, anche grazie a collaborazioni come quella da parte della Guardia di Finanza (ha dato la sua disponibilità ad esporre materiale sequestrato che viene introdotto illecitamente), a non importare e deturpare l’ambiente.

Alessandro Vlora, presidente Club Acquariologico Erpetologico Barese: “Il nostro è un progetto pilota che ci permetterà di valutare se effettivamente sarà possibile, in un futuro, aprire un’acquario permanente, non solo temporaneo come il nostro. E’ il nostro sogno , infatti il logo usato è una provocazione affinchè si possa in futuro, con il sostegno delle istituzioni pubbliche, poter aprire un’acquario.

Inaugurazione voluta proprio nel giorno dell’Earth Day, dove il tema è “Salviamo il Mare dalla plastica”.

 

Salvatore Carruezzo

 


© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. PORTO DI BARI: DOMENICA DALLE 10 LA MOSTRA PROGETTO “BIOMI DAL MONDO. LA BIODIVERSITÀ DI UN TESORO DA TUTELARE”
  2. Porto di Civitavecchia: è arrivata la nave da crociera più grande al mondo
  3. Convegno di Cultura Marinaresca: la tutela della Biodiversità nello Stretto
  4. Il mondo delle immersioni: tra fascino, sport e storia
  5. Campionato del Mondo 2.4 mR:concluse le pre-iscrizioni. 85 barche parteciperanno all’evento iridato

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=53594

Scritto da Salvatore Carruezzo su apr 22 2018. Archiviato come Italia, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 13 N°1

In questo nuovo numero de Il Nautilus vi proponiamo uno speciale sul porto di Trieste con gli ultimi dati e provvedimenti che riguardano le recenti attività dell’Autorità di sistema. Si parla anche dei porti di Civitavecchia, Ancona, Venezia, Napoli, La Spezia, Genova, Cagliari e Porto Torres. Ma si parla anche dei risultati della manifestazione NauticSud che si è svolta a Napoli e di come vengono smaltiti i rifiuti prodotti dalle navi secondo le ultime direttive internazionali.
poseidone danese

© 2018 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab