Home » News » Plastica trasformata in combustibile e non solo

Plastica trasformata in combustibile e non solo

AMSTERDAM – E’ olandese il progetto di trasformare la plastica non riciclabile in combustibile da utilizzare nel settore dei trasporti. E’ il primo progetto, in Europa, che un’azienda olandese, la Bin2Barrel, specializzata nel riuso della plastica, sta realizzando con obiettivi di sviluppo sostenibile. Materiali sintetici potranno essere riutilizzati e applicati nel settore dei trasporti, offrendo al tempo stesso un’alternativa più sostenibile per i carburanti tradizionali; un’applicazione tecno-economica circolare di riuso di sostanze prodotte nella produzione di nuovi materiali sintetici.

L’impianto sarà realizzato in collaborazione con la struttura tecnica della Port Authority di Amsterdam, e dovrebbe essere operativo entro la fine di quest’anno, con una rata di produzione di oltre 30 milioni di litri di carburante/anno su 35.000 tonnellate di plastica non riciclabile. Il flusso di plastica non riciclabile sarà garantito dai raccoglitori e dai trasformatori olandesi. In positivo, si prevede che quando il combustibile ottenuto sarà bruciato, i ritorni economici sull’energia saranno quasi tre volte superiore (80%) rispetto alla combustione diretta della plastica negli inceneritori di rifiuti (33%). Il processo dei rifiuti plastici non riciclabili nel nuovo impianto porterà a una riduzione di 57.000 tonnellate di emissioni di CO₂/anno. Inoltre, il carburante prodotto avrà lo stesso livello di sostenibilità del biodiesel, contribuendo ulteriormente alla difesa dell’ambiente.

Il piano progettuale della Bin2Barrel prevede la costruzione di quattro stabilimenti nel porto di Amsterdam, con espansioni in tutto il Benelux e in Germania, al fine di poter sfruttare la meglio grandi quantità di plastica non riciclabile. Alla fine, il progetto aziendale si concentrerà sull’estrazione dalla plastica di componenti chimici preziosi per la farmaceutica, cosmesi e non solo, invece della sola produzione di combustibili per il settore dei trasporti.

 

Abele Carruezzo

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. “Isola dell’energia. GNL combustibile per la Sardegna e il Mediterraneo”: convegno a Cagliari
  2. Porto di Savona: accordo con Costa Crociere per riciclo della plastica
  3. Macro rifiuti nel Mar di Toscana: più dell’80% degli oggetti sono di plastica
  4. Isola di plastica …”del giorno prima”: Garbage Patch
  5. SOLO ROMA SOLO RACE: I RISULTATI

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=54061

Scritto da Abele Carruezzo su mag 14 2018. Archiviato come News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 13 N°1

In questo nuovo numero de Il Nautilus vi proponiamo uno speciale sul porto di Trieste con gli ultimi dati e provvedimenti che riguardano le recenti attività dell’Autorità di sistema. Si parla anche dei porti di Civitavecchia, Ancona, Venezia, Napoli, La Spezia, Genova, Cagliari e Porto Torres. Ma si parla anche dei risultati della manifestazione NauticSud che si è svolta a Napoli e di come vengono smaltiti i rifiuti prodotti dalle navi secondo le ultime direttive internazionali.
poseidone danese

© 2018 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab