Home » Internazionale, News » Il Faro coreano del porto di Incheon

Il Faro coreano del porto di Incheon

INCHEON – Vi sono molti modi per presenziare i media mondiali. La Corea, sia quella del Nord e sia quella del Sud, in questi ultimi mesi stanno fornendo prova di quanto sia importante “essere” sulle tv e sulle testate giornalistiche di tutto il mondo, compresi i vari social net.

Incontri fra i presidenti delle due Coree per sostenere la pace fra i due territori; incontri diplomatici con gli Usa e soprattutto la denuclearizzazione dei siti di quella del Nord sono sotto i riflettori di tutto il mondo. Sulla scena mondiale, la notizia in, di questi ultimi giorni, è quella relativa la Faro di Palmido; faro rappresentativo della Corea del Sud a livello mondiale. Il faro, come un vero e proprio “ocean assistant”, ha contribuito allo sviluppo della cultura marinara e marittima e della civiltà umana. Il faro che si trova sull’isola di Palmido, a circa sette miglia dal porto di Incheon, fu acceso per la prima volta nel 1903 dalla forza coercitiva giapponese; si dimostrò importante anche durante la guerra di Corea per le operazioni di sbarco su Incheon.

A riprova che un faro può avere un valore storico come patrimonio culturale, al di là dall’essere solo una struttura di ausilio alla navigazione. Per queste motivazioni, la Corea del Sud ha dato una new vision al faro riprogettandolo  e promuovendolo a patrimonio culturale dell’intera umanità. Infatti, il Parlamento sud-coreano ha promulgato la “Dichiarazione di Incheon” da presentare alla XIX Conferenza Internazionale sui fari e le segnalazioni marittime, IALA (International Association of marine Aids to navigation and Lighthouse Authorities), che si sta svolgendo proprio a Incheon dal 29 maggio. Il Comitato per la dichiarazione è stato istituito per sostenere il valore del faro e attirare più persone a visitarlo; sono state programmate azioni, eventi e progetti turistici per i prossimi due anni; a dimostrazione che i fari non sono solo responsabili della sicurezza del traffico marittimo, ma svolgono anche un ruolo importante nell’esercizio della sovranità territoriale.

Gli ottantatré membri dello IALA hanno accettato la Dichiarazione di Incheon e ne discuteranno il prossimo 2 giugno, ultimo giorno della conferenza. Se il progetto andrà in porto, il Faro di Palmido sarà patrimonio dell’Unesco e si unirà al faro de La Coruña in Spagna e i due fari a Cordouan in Francia.

 

Abele Carruezzo

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Coast Guard ancora impegnata nelle ricerche di EL Faro
  2. La sicurezza della navigazione: il caso della portacontainer EL FARO
  3. Porto di Brindisi: risarcito il guardiano del Faro
  4. 25° CAMPIONATO AUTUNNALE DELLA LAGUNA – PUNTA FARO BOAT SHOW
  5. Porto di Trieste: firmato Memorandum d’intesa con Busan

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=54528

Scritto da Abele Carruezzo su giu 2 2018. Archiviato come Internazionale, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 13 N°1

In questo nuovo numero de Il Nautilus vi proponiamo uno speciale sul porto di Trieste con gli ultimi dati e provvedimenti che riguardano le recenti attività dell’Autorità di sistema. Si parla anche dei porti di Civitavecchia, Ancona, Venezia, Napoli, La Spezia, Genova, Cagliari e Porto Torres. Ma si parla anche dei risultati della manifestazione NauticSud che si è svolta a Napoli e di come vengono smaltiti i rifiuti prodotti dalle navi secondo le ultime direttive internazionali.
poseidone danese

© 2018 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab