Home » Italia, News » VENEZIA CASO STUDIO AL SUMMIT INTERNAZIONALE DELLE CITTA’ PORTUALI

VENEZIA CASO STUDIO AL SUMMIT INTERNAZIONALE DELLE CITTA’ PORTUALI

QUEBEC CITY – Il porto di Venezia è stato scelto come caso studio italiano alla conferenza mondiale “Next generation” promossa da AIVP, Associazione Internazionale delle Città Portuali, in corso dall’11 al 14 giugno a Quebec City, Canada.

Per celebrare i suoi 30 anni di ricerche e approfondimenti sul tema della relazione tra anima portuale e cittadina delle città marinare, il network mondiale pone al centro della conferenza 2018 “i porti di nuova generazione”, ossia quelli che saranno capaci di superare le sfide poste da innovazione tecnologica, economia circolare e decarbonizzazione, mobilità e logistica sostenibile, waterfront portuali “misti” – dove si vive e si lavora, ma anche si mantiene una vocazione portuale compatibile con le attività quotidiane dei residenti – e infine le nuove professioni.

La vision e le strategie del porto di Venezia sono state portate dal Presidente dell’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Settentrionale, Pino Musolino, relatore alla Tavola Rotonda incentrata sulle risposte alle attese dei cittadini sul futuro delle loro città portuali.

“L’attenzione non può più essere centrata solo su come comporre le esigenze della portualità e cittadine, piuttosto vanno individuati valori e prospettive comuni su cui lavorare per costruire i “porti cittadini” di nuova generazione – ha dichiarato Pino Musolino, Presidente dell’AdSPMAS –. Un futuro prospero che passa per la costruzione di innovazione, capitale umano, patrimonio culturale e relazioni internazionali: tutti elementi che consentono lo sviluppo delle città marinare da sempre, laddove la relazione col mare non sia rinnegata ma vista e sentita come essenza stessa della propria natura di città e per questo imprescindibile.”

Insieme a Venezia solo altri 3 casi studio selezionati: Quebec, Bahia Blanca (Argentina) e Douala (Camerun). La conferenza, che si sviluppa in 4 giorni di lavori, vede la presenza di 60 relatori internazionali, 450 delegati da 50 Paesi impegnati in laboratori, visite tecniche e dibattiti, fa il punto ogni due anni sui fattori che condizionano lo sviluppo armonico di portualità e contesto urbano, segnando il passo per urbanisti, scienziati ambientali, pianificatori e trasportisti.

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=54789

Scritto da su Giu 14 2018. Archiviato come Italia, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone

© 2021 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab