Home » Italia, News » Zona Franca Doganale e Zona Economica Speciale: il futuro dei porti che “osservano” l’attualità europea

Zona Franca Doganale e Zona Economica Speciale: il futuro dei porti che “osservano” l’attualità europea

Tema, quello dei porti, rovente come non mai in questi primi mesi del 2018 a causa, si eufemizza, della intensa raffica di  procedure di infrazioni azionate dalla Unione Europea in riferimento, si ritiene, al fatto che i porti italiani non avrebbero  pagato le tasse. Circostanza questa, ove fosse dichiaratamente legittima per il diritto interno Italiano, da effetti a prova  di “infarto” non solo per i loro presidenti. E si, ma andiamo per ordine. Il porto è divenuto, negli ultimi cinquanta anni  circa, l’anello di congiunzione dinamico, tra la catena della logistica e quella dei servizi ad essa collegati ovvero, ancora  la congiunzione infrastrtturale tra il trasporto marittimo ed il trasporto terrestre della merce.

La legge n.84/94, sbalzo  normativo in avanti importante dal punto di vista della produzione normativa ordinaria, enuclea le attribuzioni delle AP,  oggi Adsp, quali indirizzo, programmazione, coordinamento, promozione e controllo delle operazioni portuali e delle altre  attività commerciali ed industriali esercitate nei porti, che ricordiamo altresì, posseggono personalità giuridica e  appartengono alla categoria degli enti pubblici non economici forniti di potestà pubblica. Parola d’ordine, quindi, è   massimizzare l’efficienza e l’efficacia verso il mare ed i suoi usi nel rilascio di autorizzazioni e concessioni demaniali  per l’esercizio delle operazioni e dei servizi portuali.

Fatta tale premessa ed avviatasi una lenta ed articolata riforma del  sistema portuale italiano a prevalente obiettivo organizzatorio ed organizzativo, ben presto la stessa ha dovuto fare i conti  con le incursioni normative della Unione Europea, non ultima sul tema come accennato, della mancanza di conferimento dei  proventi da tasse da parte dei porti italiani (Olanda, Belgio e Francia si sono adeguati di recente e progressivamente),  circostanza che vedrebbe omettere l’imposta, specie sul valore dei provvedimenti chiave della vita del porto in Italia quali  concessioni ed autorizzazioni, a voler esemplificare molto.

E qui affrontiamo, in sintesi, la virtù pluiridisciplinare delle  zone franche doganali, con riferimento a quella insistente nel porto di Trieste che ne sta decretando un successo che lo vede  al tredicesimo posto dei porti d’Europa, insidiando la posizione di Valencia e Marsiglia nella top ten. Collegamento col  Bosforo e via della Seta sono le strategie di collegamento premianti; attuazione dei principi di libertà di transito e di  accesso e quello della extraterritorialità doganale, che vuol dire grossi vantaggi e prerogative esclusive per i potenziali  investitori. A costoro, infatti, che sono rivolti i vantaggi operativi, amministrativi, finanziari e commerciali per  operazioni portuali di sbarco, importazione, transito, di merce a seconda se nazionale e/o comunitaria, imbarco, lavorazioni,  trasformazione anche di merce estera destinata a vari mercati intercontinentali. Depositi Iva e credito doganale.

Non da meno  poi, l’abbattimento dell’accisa sui carburanti e sull’energia ed il transito veloce e diretto attraverso i valichi confinati  del Nord Est. Insomma un mix fenomenale ed accattivamente che farebbe rabbrividire il più attento studente di economia dei  trasporti marittimi e terrestri per gli effetti concatenati e positivi (molto positivi e strutturali sull economia delle  regioni interessate), che un’area franca doganale comporta. Le Free Zone piacciono e piacciono talmente tanto ad asiatici e  cinesi che i grandi player mondiali sono desiderosi di superare il core corridor Ten-T, avendo maggiore interesse verso le  lunghe tratte ferroviarie, come quella di recente inaugurazione tra la Turchia e la Svezia, passando per il porto di Trieste  ovvero partenza da Istanbul ed arrivo a Goteborg: una settimana con trasporto terra-mare ed una unica documentazione,  strizzando l’occhio al porto di Rotterdam (gesto non da poco).

Passiamo alle ZES, (differenti dalle ZLS zone logistiche speciali, dove non si azionerà il credito d’imposta), normate con la  legge 123/2017 il cui regolamento é del Febbraio 2018, nate per sostenere la crescita economica delle aree del sud Italia,  attraverso misure fiscali e semplificazioni amministrative e di accesso alle infrastrutture in grado di attirare investimenti  esteri od extra regionali, auspicando in un periodo di maturazione, a regime, di medio e lungo termine. Ma chi potrebbe  essere interessato ad investire nelle ZES, stante ad esempio, l’elemento peculiare della estensione geografica predefinita?   Poi la durata, fattore di non facile prevedibilita’, variabile tra i 7 e non più di 14 anni e prorogabili per altri 7.

Certamente grossi gruppi internazionali propensi agli investimenti in beni e strutture portuali come capannoni per lo  stoccaggio e depositi di società automotive, nuove sinergie tra i paesi stranieri ed imprese italiane nell’ambito della blue  economy. Auspicabile è che da un lato la perimetrazione delle ZES configuri il meglio di quanto un territorio esprima, sia in  termini produttivi che possano fare da volano all’investimento agevolato, che vede sempre la presenza di un porto, sia in  termini infrastrtturali e di retroportualità. E si, il porto della ZES la caratterizza per legge. E ritorniamo al punto di  partenza. La funzione del porto! La configurazione giuridica dello stesso; il controllo gestionale ad opera della Adsp  rispetto all’efficacia degli investimenti ed alle adeguate garanzie, ovvero alle scelte proprie fatte; il ruolo del sistema  bancario e del credito. Tutto questo, collegato proprio al sistema trasportistico transeuropeo Ten-t in tandem, oserei allo  stato di apparente parziale connubio, con il documento di pianificazione strategica di sistema (DPSS), in coerenza con il  piano nazionale strategico della portualità e della logistica (PSNPL).

Rimane il nostro, del tutto ipotetico e di puro esercizio didattico, interrogativo: meglio le zone franche o le ZES?  Difficile rispondere, per un semplice motivo, si azzarda; il trascorrere del tempo, che da poli normativi opposti e non  convergenti, oggi vede “intersecare” due azioni di spinta e di crescita non omogenei per differenti fattori di macroeconomia,  in un arco temporale per certi versi ampio, se consideriamo l’evoluzione tecnologica ed informatica che galoppa ed in cui  l’Europa è cresciuta, in tema trasportistico e della logistica, in maniera -spesso- disarticolata e disomogenea, scatenando  sui paesi più esposti e naturalmente predisposti ai traffici marittimi come l Italia, lo spettro di ammonimenti della  Comunità Europea, locus di modeste dimensioni se rapportato agli auspicati investimenti sulla logistica portuale il cui  bacino di utenza e di sicuro moltiplicatore keynesiana.

D’altro canto si osserva, come oramai indispensabile un testo unico della speciale materia del diritto della navigazione  compresso tra il diritto internazionale, il diritto dell’Unione Europea ed il diritto interno. Compresso altresì, tra le  iniziative politiche e quelle cd di geopolitica portuale, spesso asettiche e prive di reali risultati economici e commerciali  . Ed è, infine, quest’ultimo aspetto a sussurrare ad alcuni studiosi e rappresentanti autorevoli del mondo della portualità,  quanto possa essere scelta concertativa di poliedriche esigenze amministrative e fiscali, immaginare le Adsp come SPA,  sottoposte quindi anche alle norme speciali del codice civile in ossequio proprio alle nuove esigenze avanzate dalla gestione  e dal controllo delle stesse su ZES e zone Franco doganali.

Un sogno, forse, chissà, vedremo. Infatti non si può immaginare quanto possa costare una, volendo semplificare  moltissimo,  svista incolpevole su operazioni economiche finanziarie di questo tipo, che diverrebbero un boomerang ove fallimentari per   migliaia di ettari e migliaia di lavoratori. Quindi si ritiene questa, in estrema sintesi, la rotta maestra da seguire, al  fine di porre ordine ad un vortice normativo e gestionale (si immagini la concorrenza attuata nelle zes del sud italia, nei  procedimenti di rilascio di autorizzazioni e concessioni demaniali semplificate nel controllo e del Ministero e del Comitato  di gestione rispetto alle direttive europee) che per sua stessa forza è capace di “autodistruggersi” tutto proprio, chiudendo  con una battuta, all’opposto della volontà imprenditoriale dell’autoproduzione dei servizi portuali come oggi regolamentato. Attendiamo, da osservatori, le prossime mosse!

 

Teodoro Nigro

Leggi anche:

  1. Zona Franca non decolla a Cagliari: troppi vincoli
  2. Porto di Taranto: in comitato il Regolamento per la Zona Franca Doganale
  3. Autorità portuale di Cagliari: nuove opere, crescita dei traffici, Pif e zona franca doganale
  4. Massidda: “Dopo 15 anni di attesa la Zona Franca non è più un miraggio”
  5. Porto di Taranto: chiesta la trasformazione della Zona Franca in Zona economica speciale

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=55320

Scritto da Teodoro Nigro su lug 10 2018. Archiviato come Italia, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 13 N°2

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato ad Assologistica e alle idee per il futuro messe insieme dall’associazione di categoria: le commissioni interne hanno espresso i loro orientamenti in maniera dettagliata e su questo tracciato si disegnano le decisioni future. All’interno di questo numero troverete anche tante informazioni sui porti di Livorno, Piombino, Trieste, Civitavecchia, Venezia e Genova ma anche le direttive internazionali sull’utilizzo di Gnl per uso energetico e la Brexit.
poseidone danese

© 2018 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab