Home » Italia, News » Da Ministero Trasporti e Rfi 5,7 milioni al porto di La Spezia

Da Ministero Trasporti e Rfi 5,7 milioni al porto di La Spezia

LA SPEZIA – Nell’ambito dell’iniziativa “Penultimo e Ultimo Miglio”, in cui sono state messe a disposizione le risorse previste dalla legge di Stabilità 2015 e non attribuite alle imprese ferroviarie, corrispondenti in totale a 48 milioni di euro, Ministero delle Infrastrutture e Trasporti e Rete Ferroviaria Italiana (Rfi) hanno assegnato 5,7 milioni di euro all’ Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure Orientale.

Il progetto selezionato da Rfi e destinatario del finanziamento, elaborato dal settore Progetti Speciali dell’AdSP, riguarda il potenziamento della stazione di La Spezia Migliarina (che insieme a La Spezia Marittima e Santo Stefano Magra fa parte del sistema ferroviario del porto della Spezia) e nello specifico la centralizzazione nella gestione di tre binari di arrivo e partenza dei treni merci, nonché la creazione di un’area attrezzata per la manutenzione dei veicoli. Grazie a questo intervento, anche la stazione di La Spezia Migliarina potrà disporre di un binario da 750 metri che si andrà ad aggiungere agli altri due binari con gli stessi standard europei che verranno realizzati a La Spezia Marittima con l’intervento di potenziamento del fascio di binari i cui lavori sono attualmente in corso.

Su 116 interventi proposti in tutto il Paese, ne sono stati accolti 28 e un altro è stato messo in stand by in attesa di maggiori approfondimenti. In totale, verranno impegnati 39 milioni di euro sui 48 disponibili per il miglioramento delle connessioni tra porti e terminal intermodali italiani, dove sono presenti i principali poli industriali e logistici del Paese, e la rete ferroviaria nazionale.

“Il progetto finanziato da Rfi nell’iniziativa “Penultimo e Ultimo Miglio” – spiega l’authority spezzina – contribuirà a migliorare l’operatività e l’efficienza del trasporto ferroviario nel porto della Spezia ed insieme agli altri interventi, di cui alcuni già in corso e altri in programma, permetterà di arrivare all’obiettivo del 50% sul totale del traffico merci movimentato dallo scalo”.

Short URL: https://www.ilnautilus.it/?p=57314

Scritto da su Nov 15 2018. Archiviato come Italia, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone

© 2021 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab