Home » Italia, News » I Porti pugliesi competitivi con quelli dell’Alto Adriatico

I Porti pugliesi competitivi con quelli dell’Alto Adriatico

ROMA – Sicuramente è un merito per l’on. Mauro D’Attis aver evidenziato con l’emendamento all’art. 54 della legge di bilancio una ingiustizia fra territori italiani (Nord e Sud contrapposti) in tema di trasporti intermodali. E speriamo che sia approvato. Già nel dicembre 2011, l’assessore ai trasporti della Regione Puglia, Minervini, chiedeva ai Governi Berlusconi e poi Monti, più permessi di transito per i tir merci dalla Turchia. I porti pugliesi da sempre hanno sofferto, per il numero limitato di permessi di transito per i camion, le c.d. “dòsvole”, la concorrenza ingiustificata (storicamente a tanti anni dalla fine della II guerra mondiale) del porto di Trieste per le merci dalla Turchia e per quelle dalla Croazia rispetto al porto di Ancona.

L’assessore Minervini chiedeva l’allargamento del numero dei permessi di transito e l’estensione dell’esenzione dalle tasse automobilistiche, ai porti adriatici di Bari e Brindisi. Taranto non era in elenco perché allora godeva dei traffici  di Evergreen e di Ilva e non pensava minimamente alla Turchia, come lo pensa oggi … All’epoca Minervini si rivolse per una richiesta di giustizia anche all’Autorità Garante del Mercato e della Concorrenza. Giusto per dovere d’informazione, “dòsvola” è un’espressione in lingua araba/orientale che indica i permessi di transito/di destino relativamente al trasporto internazionale di merci a mezzo di camion. Gli spedizionieri sanno bene che i trasporti di merci su camion da e per i paesi extracomunitari sono soggetti a regime autorizzativo, con una documentazione certificata (di transito o di destino a seconda se la merce è in transito sul territorio italiano o se è destinato a un’importazione definitiva in Italia) che dovrà accompagnare ogni veicolo stradale, ad eccezione di alcune merci speciali (rifiuti, avannotti e altri).

Gestire le dòsvole era ed è espressione di un potere per garantire interessi non solo degli operatori economici dei paesi interessati, ma anche per salvaguardare i ruoli dei poteri nazionali e locali (porti di Trieste, Genova, Livorno e poi anche Ancona). Ultimamente, inizi ottobre c.a., anche il nuovo assessore Regione Puglia allo Sviluppo Economico, Cosimo Borracino, ha inviato una nota al Presidente Conte e ai vari Ministeri Economia, Trasporti e Semplificazione Amministrativa, per chiedere di estendere il regime di favore previsto per Trieste al traffico dei rotabili da e per la Puglia. Si chiede sostanzialmente la liberalizzazione dei permessi di transito per i rotabili stranieri e la esenzione dal pagamento delle tasse automobilistiche. Tale richiesta è giustificata dall’interesse manifestato dagli imprenditori del MENA (Middle East North Africa) a investire in Puglia. Il 22 ottobre scorso, l’on. le Carfagna ed altri di Forza Italia, in una mozione composita, chiedono al Governo di adottare iniziative a favore dell’elisione di tutti gli ostacoli allo sviluppo del traffico intermodale, e promuovono la liberalizzazione dei permessi di transito per i rotabili stranieri da e per i porti del Mezzogiorno.

Tra le altre mozioni del Grupo di Forza Italia si sostiene l’insediamento nel Mezzogiorno d’impianti di rifornimento di Lng per navi e autotrazione, al fine di ridurre l’inquinamento e decarbonizzare le aree produttive paesaggisticamente ed ecologicamente attrezzate. L’emendamento dell’on. le D’Attis è puntuale, oltre ad essere di sostegno all’operato del presidente dell’AdSP Mare Adriatico Meridionale, Prof. Ugo Patroni Griffi, in questi giorni impegnato in Turchia per vedere realizzata una connessione tra Brindisi  e quei porti. Una sola considerazione sull’art 54 alla legge di bilancio, emendato dall’on. le D’Attis che recita:  “Art. 54-bis. – (Liberalizzazione dell’autotrasporto internazionale di merci in transito in Italia attraverso i porti pugliesi) – 1. A decorrere dal 1° marzo 2019 sono liberalizzati gli autotrasporti internazionali di merci in transito sul territorio italiano attraverso i porti presenti nei territori delle Autorità portuali del Mar Jonio e del Mar Mediterraneo Orientale.” Speriamo di non incorrere ancora una volta in un miraggio per il porto di Brindisi (menzionato solo nelle note) a favore di altri (porto di Taranto), visto che non si cita l’AdSP Mare Adriatico Meridionale.

“Mi auguro che, così come sta facendo il presidente Patroni Griffi – afferma l’on. D’Attis – anche gli operatori economici pugliesi si spendano perché questo emendamento venga accolto dal Governo. In ogni caso, annuncio sin d’ora la presentazione di una proposta di legge sull’argomento, a tutela della Puglia e della sua portualità”. E’ fondamentale anche la promozione internazionale dei porti meridionali e delle loro Zes, e, a livello europeo, operare, nell’ambito della prossima revisione della Rete dei trasporti transeuropea (Ten-T), per favorire i corridoi meridionali e riportare i porti del Sud nella mappa dei porti strategici.

 

Abele Carruezzo

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Porto di Trieste: vertice su Alto Adriatico con Violeta Bulc
  2. APP: La nascita dell’Associazione dei Porti Pugliesi
  3. Porti mediterranei, competitivi con quelli del nord Europa
  4. Minervini: “Più permessi di transito dalla Turchia per i porti pugliesi”
  5. Porti del Nord Europa più competitivi

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=57321

Scritto da Abele Carruezzo su nov 18 2018. Archiviato come Italia, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 13 N°3

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato a Canale Pigonati di Brindisi; la storia, le potenzialità, le attuali richieste per il suo allargamento al fine di agevolare l’entrata nel porto interno delle grandi navi da crociera. Poi articoli sulle Zes, porti di Ancona, Bari, Campania ma anche le professioni del mare, il lavoro portuale nelle sue specificità ed un interessante racconto del porto di Salerno che nel Mediterraneo rappresenta un ponte tra Oriente ed Occidente.
poseidone danese

© 2018 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab