Home » Italia, News » ARRIVATA A VADO LIGURE LA PRIMA GRANDE GRU “DI BANCHINA” CHE OPERERÀ NEL TERMINAL

ARRIVATA A VADO LIGURE LA PRIMA GRANDE GRU “DI BANCHINA” CHE OPERERÀ NEL TERMINAL

VADO LIGURE – È arrivata nel porto di Vado Ligure (SV) la prima gru “di banchina” (STS – Ship to shore) che andrà a operare nel terminal container di APM Terminals attualmente in costruzione e la cui realizzazione è oggi arrivata al 75%. Come comunicato da APM Terminals di Vado Ligure, sono arrivate anche quattro gru “di piazzale” (ARMG- Automated rail mounted gantry) al termine di un viaggio dalla Cina durato due mesi. Le complesse fasi dello sbarco delle gru dureranno circa due settimane e saranno seguite da una serie di test che dureranno alcuni mesi.

I numeri della STS sono imponenti: la gru è infatti alta oltre 90 metri, pesa circa 1.800 tonnellate e ha uno “sbraccio” in grado di manovrare fino a 23 file di container in senso orizzontale. La portata è di 65 tonnellate in configurazione “twin lift” e 100 in configurazione “sotto gancio”. Si tratta di equipaggiamenti di ultima generazione, tecnologicamente avanzati, che rispondono ai più elevati standard di mercato.

Le sue dimensioni, unite a quelle dei fondali del terminal (da -16 a -23 metri di profondità) e a banchine di ben 4,5 metri sopra il livello del mare, consentiranno di operare a Vado Ligure navi di ultima generazione (ULCS – Ultra large container ships). Altre tre gru STS sono previste in arrivo a primavera 2019 e supporteranno il primo avviamento dell’attività del terminal vadese, previsto entro la fine dello stesso anno. Per quanto invece riguarda le quattro gru ARMG, si tratta del secondo gruppo di mezzi di questo tipo arrivato a Vado: ad aprile erano infatti state consegnate le prime sei. In totale a regime saranno ventuno le gru di piazzale utilizzate nel terminal.

Leggi anche:

  1. VADO LIGURE: VIA AI COLLEGAMENTI INTERMODALI
  2. APM TERMINALS VADO LIGURE: RAFFAELLO CIONI È IL NUOVO CHIEF OPERATING OFFICER
  3. ARRIVATE A VADO LIGURE LE GRU ZPMC “DI PIAZZALE” COMPLETAMENTE AUTOMATIZZATE, UNICHE IN ITALIA
  4. Porto di Vado: i cinesi di Qingdao sono interessati alla piattaforma Maersk
  5. Porto di Cagliari: nuovi traffici commerciali con Vado Ligure

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=57645

Scritto da Redazione su dic 10 2018. Archiviato come Italia, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 14 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato ai porti con un focus sulla Via della Seta e sulla via Traiana, il concetto dello IoT-Internet of Things, il contratto di ormeggio e il nuovo concetto di New-Port. Poi una riflessione sul principio di passaggio inoffensivo(riprendendo vicende come quella dell'Aquarius, Open Arms e Sea Watch 3). E ancora, approfondimenti sul potere amministrativo delle AdSP, Mare 2.0 e sulla navigazione delle navi e non delle merci.
poseidone danese

© 2019 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab