Home » Italia, News » Duci 2019 anno di transizione per shipping internazionale

Duci 2019 anno di transizione per shipping internazionale

ROMA – Con il 2020 alle porte che segnerà la stretta sulle emissioni inquinanti nel trasporto marittimo, il 2019 si annuncia un anno di transizione per lo shipping internazionale. “Nel 2019 le navi si dovranno adeguare per essere pronte il primo gennaio del 2020, e per tutte quelle che ad esempio dovranno montare lo scrubber (per il lavaggio dei fumi, ndr) avremo un’assenza temporanea dal mercato perché dovranno fermarsi per effettuare i lavori e questa riduzione di flotta potrebbe avere un effetto positivo sui noli” analizza il presidente di Federagenti Gian Enzo Duci provando a tracciare uno scenario del settore per il prossimo anno.

La normativa internazionale impone che i combustibili impiegati dalle navi dovranno avere un tenore di zolfo dello 0,50% contro l’attuale 3,50%, o per ottenere lo stesso risultato le navi potranno usare gli scrubber o usare il Gnl, gas naturale liquefatto. “Con le navi ferme per lavori, e penso che avverrà in maniera massiva, si toglierà tonnellaggio dal mercato e quindi riducendo l’offerta è facile che il livello dei noli possa leggermente salire dando ossigeno ad un mercato che ne ha bisogno” aggiunge Duci.

Leggi anche:

  1. Duci: “Riforma ok, ma eccesso di burocrazia irrisolto”
  2. Duci: “Ora serve la seconda tappa della riforma”
  3. Duci: “Ok la riforma, ma dipende troppo da Delrio”
  4. Duci (Federagenti): “Il 2017 sarà il banco di prova della riforma”
  5. Federagenti: per Duci è importante “non disperdere le professionalità”

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=57908

Scritto da Redazione su dic 31 2018. Archiviato come Italia, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 14 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato ai porti con un focus sulla Via della Seta e sulla via Traiana, il concetto dello IoT-Internet of Things, il contratto di ormeggio e il nuovo concetto di New-Port. Poi una riflessione sul principio di passaggio inoffensivo(riprendendo vicende come quella dell'Aquarius, Open Arms e Sea Watch 3). E ancora, approfondimenti sul potere amministrativo delle AdSP, Mare 2.0 e sulla navigazione delle navi e non delle merci.
poseidone danese

© 2019 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab