Home » Internazionale, Italia, News » Poli magnetici della Terra si spostano

Poli magnetici della Terra si spostano

Nottingham-Occorre prendere le dovute misure e compensazioni entro i prossimi giorni per non avere conseguenze sulla navigazione marittima e aerea nell’Artico. E’ noto a tutti che un ago magnetico, in generale e quello di una bussola in particolare, punta verso il “polo magnetico nord”. I poli magnetici terrestri, nord e sud, (zone di massima attrazione e/o repulsione) sono sottoposti nel tempo a una “polodia”, generando una declinazione variabile nel tempo e con la località (come l’Ammiraglio degli oceani, Cristoforo Colombo, annotò sul suo diario nel primo viaggio 1492).

La posizione del polo magnetico nord, nel secolo scorso, si è spostata dal Canada al centro dell’Oceano Artico; attualmente si dirige verso la Siberia con una velocità di circa 25 miglia nautiche all’anno. Queste previsioni sono possibili grazie ad un “modello” geomagnetico – il World Magnetic Model – che ben rappresenta il potenziale magnetico per qualsiasi località terrestre tramite la misura degli elementi dello stesso campo magnetico. Il World Magnetic Model predice il campo geomagnetico della Terra per i prossimi cinque anni e comunque è rifasato ogni cinque anni.

Gli scienziati hanno confermato che il WMM 2015 ha bisogno di essere aggiornato prima della scadenza (dicembre 2018), poi posticipato dal 15 al 30 gennaio 2019 a causa dello shut-down dei pubblici uffici Usa ancora in corso. Dalla fine del 2014, il campo magnetico terrestre, nei suoi elementi, è variato in un modo molto casuale; ciò ha portato a rendere meno preciso il modello WMM.  In particolare alle alte latitudini settentrionali, le variazioni sono state attribuite all’accelerazione subita del flusso magnetico dell’emisfero nord nel 2015/2015.

Il modello è stato prodotto dal British Geological Survey e dal National Oceanic and Atmospheric Administration (NOAA), per conto del Centro Geografico della Difesa del Regno Unito e della National Geospatial – Intelligence Agency degli Stati Uniti. Il modello ritiene che la componente fondamentale del campo geomagnetico è lo stesso nucleo della Terra: il nucleo del campo è generato dall’azione dinamica nel fluido del nucleo esterno, ricco di ferro, a 3500 kilometri sotto la superficie terrestre; detto flusso in continua evoluzione produce un campo magnetico e alterando continuamente i parametri dello stesso.

Il tutto è dovuto al campo magnetico del Sole che trasportato dal vento solare avvolge il nostro pianeta generando variazioni del campo terrestre, rafforzandolo o indebolendolo e con la polodia dei due poli magnetici terrestri. Il WMM è il modello standard più utilizzato per la navigazione marittima e aerea; è utilizzato anche dalle organizzazioni NATO, dal Dipartimento della Difesa degli Usa, e anche dai sistemi operativi per smart-phone (Android e iOS).

Quando si apre un’app per la mappa dello smart-phone, una freccia indica le modalità d’uso; il telefono contiene un magnetometro che misura il campo magnetico terrestre tramite il WMM,  e dopo aver corretto della declinazione magnetica, il telefono posiziona oggetti, itinerari e rilevamenti riferiti al “True North”. Il prossimo aggiornamento del World Magnetic Model è previsto nel dicembre 2019.

Abele Carruezzo

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Porto di Salerno: accordo con gli Atenei per i collegamenti mare-terra
  2. Si terrà a Londra il CLIA Port & Destination Forum 2016
  3. Anche la Volvo Ocean Race per la Giornata della Terra
  4. “Lo Stretto e le origini della terra”: 1° incontro del Convegno di Cultura Marinaresca a Villa San Giovanni
  5. Frattini: “La pirateria si combatte a terra”

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=58089

Scritto da Abele Carruezzo su gen 14 2019. Archiviato come Internazionale, Italia, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 14 N°2

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato alla portualità con un focus sulle identità marinare e sul futuro dei lavori portuali, la figura dello skipper e il trattamento dell’acqua di zavorra. Poi una riflessione sul concetto di “Porto come mondo” (prendendo come esempio il porto di Brindisi, tra tutela, valorizzazione ed innovazione). E ancora, approfondimenti sul motto lanciato dal Ministero delle Infrastrutture e Trasporti: #IOSONOMARE, per valorizzare tutte le attività svolte sul mare.
poseidone danese

© 2019 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab