Home » Italia, News » PERFORMANCE AL MASSIMO DEL DISTRETTO DELLA REGIONE TOSCANA

PERFORMANCE AL MASSIMO DEL DISTRETTO DELLA REGIONE TOSCANA

VIAREGGIO – La Regione Toscana conferma – dopo due anni di avvio delle attività – il vertice del Distretto Tecnologico per la Nautica e la Portualità Toscana.Alla presidenza dell’organismo rimane Vincenzo Poerio, nominato dal presidente Enrico Rossi nei mesi scorsi anche tra i “Tuscany Business Advisors”. Amministratore delegato del soggetto gestore è Pietro Angelini, direttore generale di NAVIGO, centro servizi per l’innovazione e sviluppo della nautica con base a Viareggio.

Conferme anche per il Comitato di Indirizzo del distretto con la presenza di Andrea Giannecchini (Viareggio Yachting Corporation), Michela Fucile (Yacht Broker), Matteo Italo Ratti (Marina Cala de’ Medici) e Katia Balducci (Overmarine). Come membro aggiunto, entra nel comitato Giovanni Costantino (Italian Sea Group) responsabile anche della commissione nautica di Confindustria Toscana.

A queste importanti personalità della nautica, va ad aggiungersi un affiancamento del settore della ricerca con Andrea Corvi del dipartimento d’ingegneria civile dell’Università di Firenze, Iacopo Cavallini del dipartimento di biologia dell’Università di Pisa, Cecilia Laschi dell’istituto di robotica della Scuola Superiore di S’Anna e Alberto Ortolani del CNR Ibimet.

Innovazione e tecnologia con progetti e azioni dedicate a cantieri navali, imprese della filiera, a marine e porti; attività di formazione, organizzazione aziendale e controllo di gestione, digitalizzazione e potenziamento sul mercato per le PMI della nautica. Sono queste le principali competenze del Distretto per la Nautica e la Portualità Toscana.Nel corso di due anni di attività, il distretto ha al suo attivo lo sviluppo di progetti di innovazione per un valore complessivo di 16 milioni di euro (di cui oltre 8 milioni di euro a fondo perduto) su temi quali sensoristica, automazione, portualità, nuovi materiali, propulsioni elettriche, rapporti fra distretti nel mediterraneo.

Per quanto riguarda, i servizi di accompagnamento (internazionalizzazione, marketing strategico e valutazione del potenziale delle aziende, sviluppo reti), in due anni, sono stati effettuati più di 1.000 matching R2B e B2B e oltre 350 incontri tra imprese, banche e università.

Al distretto, classificato di prima fascia e attivo dalla fine del 2016, aderiscono già 206 aziende, 11 centri di servizi, 20 organismi di ricerca e 39 infrastrutture di ricerca industriale e trasferimento tecnologico.  Il soggetto gestore del distretto è RETE PENTA formato da Navigo scarl, soggetto capofila, insieme a Navicelli Pisa Spa e al Consorzio Tecnologico Magona.

Leggi anche:

  1. NASCE IL CONSORZIO NAUTICO DI PUGLIA, BRACCIO OPERATIVO DEL DISTRETTO DELLA NAUTICA
  2. La Regione Liguria stanzia 2 milioni di euro per il Distretto tecnologie marine
  3. Distretto della nautica pugliese: Danese si complimenta con il Marina di Brindisi
  4. Distretto della Nautica: la Puglia assente dall’AECC
  5. Regione Toscana: incontro sul sitema portuale

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=58198

Scritto da Redazione su gen 22 2019. Archiviato come Italia, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 14 N°2

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato alla portualità con un focus sulle identità marinare e sul futuro dei lavori portuali, la figura dello skipper e il trattamento dell’acqua di zavorra. Poi una riflessione sul concetto di “Porto come mondo” (prendendo come esempio il porto di Brindisi, tra tutela, valorizzazione ed innovazione). E ancora, approfondimenti sul motto lanciato dal Ministero delle Infrastrutture e Trasporti: #IOSONOMARE, per valorizzare tutte le attività svolte sul mare.
poseidone danese

© 2019 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab