Home » Italia, News » Serracchiani: “Free zone Trieste grande chance”

Serracchiani: “Free zone Trieste grande chance”

TRIESTE – ”E’ un evento storico in sé l’inaugurazione ufficiale della prima Free zone retroportuale del porto di Trieste, ma è soprattutto l’apertura di una grande chance per il futuro economico di Trieste e di tutte le aree cui potrà mettersi a servizio. Sono orgogliosa di aver lavorato per questo obiettivo con altre istituzioni e soggetti privati animati da buona volontà e visione strategica”.

Lo afferma la deputata Debora Serracchiani (Pd), ex presidente del Friuli Venezia Giulia, in occasione dell’inaugurazione di “FreeEste”, un’area in località Bagnoli della Rosandra (Trieste) in cui è stato esteso il regime di Porto Franco, e dove sta sorgendo un polo retroportuale in grado di offrire opportunità logistiche e fiscali per le imprese del Friuli Venezia Giulia, in particolare per quanto riguarda i regimi doganali e l’Iva.

La parlamentare dem, trattenuta a Roma, esprime un auspicio: “mentre il comparto industriale di Trieste appare in sofferenza e bisognoso di interventi strutturali, voglio credere che l’avvio di FreeEste possa rappresentare un forte segnale in controtendenza, attraendo capitali e investitori qualificati. Un deciso passo è stato compiuto, ora – conclude – si tratta di non perdere il ritmo”.

Leggi anche:

  1. Serracchiani: “D’Agostino in Espo è chance per il Paese”
  2. Porto di Trieste: nasce la prima “free zone” d’Europa
  3. Porto di Trieste: per Serracchiani è il terzo scalo della Germania
  4. Serracchiani: “Lo Stato di New York è interessato a Trieste”
  5. SERRACCHIANI: “TONDO ROMPA SILENZIO SU PORTO DI TRIESTE”

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=58510

Scritto da Redazione su feb 13 2019. Archiviato come Italia, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 14 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato ai porti con un focus sulla Via della Seta e sulla via Traiana, il concetto dello IoT-Internet of Things, il contratto di ormeggio e il nuovo concetto di New-Port. Poi una riflessione sul principio di passaggio inoffensivo(riprendendo vicende come quella dell'Aquarius, Open Arms e Sea Watch 3). E ancora, approfondimenti sul potere amministrativo delle AdSP, Mare 2.0 e sulla navigazione delle navi e non delle merci.
poseidone danese

© 2019 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab